Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! L’infelicità è più pesante della terra, nessuno sa lasciarla.Lao Tsu

Russell Crowe mette all'asta le sue memorabilia per pagare le spese del divorzio

di Redazione Spettacoli
Nel giorno del suo compleanno e dell'anniversario di matrimonio, Russell Crowe ha messo all'asta una serie di oggetti e memorabilia. E in poche ore ha raggranellato 2,3 milioni di euro per pagarsi le spese del divorzio
Si intitola "The Art of Divorce" l'asta organizzata a Sydney da Crowe. Raccolti 2,3 milioni di euro
Russell Crowe The Art of Divorce, all'incanto 227 oggetti dell'attore australiano

La famosa corazza usata nel film Il gladiatore è stata venduta per 2.400 euro. L’uniforme che faceva parte dei vestiti di scena del film del 2003 Master and Commander gli ha fruttato 87.000 euro. La motocicletta Precision del 1917 è stata battuta per 38.000 euro. Il violino datato 1890 usato sempre nel film Master and Commander è stato venduto per 102.000 euro. In totale ha incassato più di due milioni e trecentomila euro Russell Crowe, che nel giorno del suo compleanno (e del suo anniversario di matrimonio) ha messo all’incanto tutta una serie di memorabilia per pagare le spese della separazione dalla moglie Danielle Spencer.

Si intitolava The Art of Divorce l’asta organizzata presso Sotheby’s a Sydney dal cinquantaquattrenne attore di L.A. Confidential, American Gangster, Robin Hood, Padri e figlie (Premio Oscar nel 2001 per A Beautiful Mind): 227 oggetti personali e cimeli, di cui Crowe è riuscito a sbarazzarsi in mezza giornata, con un incasso davvero ragguardevole.

L'asta ha avuto "un incredibile successo", ha sottolinea l'amministratore delegato di Sotheby's Australia, Gary Singer. "La gente è impazzita, è stata una Crowe-mania", ha dichiarato all'emittente televisiva Channel Seven Sunday. Tra gli oggetti all'asta anche gioielli che aveva donato alla sua ex moglie e memorabilia sportiva. Crowe era "un avido collezionista", ha spiegato Singer, e "aveva stanze piene di oggetti nelle sue case di Sydney e in campagna; talmente tanti che si sarebbero potuti prendere i duecento cimeli senza che se ne accorgesse nemmeno".

Tra gli oggetti più curiosi, anche la riproduzione di una biga romana, svariati orologi, diverse chitarre, riproduzioni di spade e pistole, un reperto archeologico del periodo Cretaceo che Russell Crowe aveva acquistato da Leonardo DI Caprio.

Crowe non è certo l’ultima celebrità di Hollywood caduta in disgrazia finanziaria, e l’idea di mettere all’asta delle proprietà per pagare gli avvocati non è così originale. Anche Johnny Depp lo scorso anno ha messo in vendita  la sua preziosa collezione di quadri di Basquiat per pagare le spese processuali per chiudere il suo matrimonio con Amber Heard e prima di lui sul lastrico a causa della fine del matrimonio era finito anche Brendan Fraser, il protagonista de La Mummia.

All’asta Crowe è apparso decisamente invecchiato, imbolsito e barbuto. Forse la lontananza dalla moglie Danielle (sposata nel 2003 e lasciata nel 2012) non ha fatto così bene a un attore noto per il carattere iracondo e per la dipendenza ad alcool e fumo.