Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! L’infelicità è più pesante della terra, nessuno sa lasciarla.Lao Tsu

Il miracolo del piccolo Dylan: fuori dal coma nel giorno di Pasqua

di Luca Borioni
Malato di una rara forma di tumore ai polmoni, aveva manifestato miglioramenti proprio quando i medici decisero di staccare la spina. Due anni dopo è stato dichiarato fuori pericolo. La mamma: "Ha fatto come Gesù"
dyan Askin
Il piccolo Dylan Askin

Ci sono miracoli che accadono normalmente ma che è difficile catalogare come eventi normali.

Come la storia di Dylan Askin. Quando aveva soltanto due anni di età sembrava già destinato a morire. Colpito da una rara forma di cancro – l’istiocitosi polmonare a cellule di Langerhans – restava a letto senza forze, con i polmoni sempre più affaticati e la vita appesa unicamente ai macchinari che gli consentivano artificiosamente di respirare.

Settimane e settimane di angoscia per due giovani genitori di Dylan, entrambi di Nottingham, Inghilterra del nord. A un certo punto si convincono che non restano speranze e che la scelta migliore sia quella di staccare la spina ai macchinari. I medici del Queens Medical Hospital erano d’accordo: nessun futuro per il piccolo Dylan.

Il 25 marzo di due anni fa, nel giorno del venerdì santo, il bimbo viene battezzato davanti a parenti e amici. È l’ultimo saluto.

Ma ecco l’evento imprevisto. Dylan manifesta piccoli segnali di miglioramento, qualcosa che fino a quel momento non era mai successo. Il bimbo si sveglia dal coma. Da quel giorno, i progressi diventano costanti, fino a quando i medici arrivano alla decisione, due mesi dopo, di dimettere il piccolo paziente.

Due anni dopo, in questi giorni, gli stessi medici hanno dichiarato Dylan definitivamente fuori pericolo. Kerry, la mamma, dice: Non sono particolarmente credente, ma penso che mio figlio sia il nostro miracolo di Pasqua. All’altro figlio Bryce ho detto che Dylan ha fatto come Gesù: è tornato a vivere”.

Dylan era stato ricoverato a Natale del 2015 per problemi respiratori, gli era stato riscontrato il collasso di un polmone a causa delle cisti. Fino al decorso e ai peggioramenti che avevano spinto i medici a decretare la decisione di staccare la spina. Ma Dylan aveva già deciso di risorgere.