Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! L’infelicità è più pesante della terra, nessuno sa lasciarla.Lao Tsu

Polizia francesce controlla un migrante a Bardonecchia, Ong: "Ignobile provocazione"

L'uomo era sospettato di essere uno spacciatore. E' stato invitato a sottoporsi al test delle urine.
Polizia francesce controlla un migrante a Bardonecchia, Ong: "Ignobile provocazione"

Cinque agenti delle dogane francesi hanno fatto irruzione armati nella sala della stazione di Bardonecchia, al confine tra Italia e Francia, e hanno invitato un migrante sospettato di essere uno spacciatore a sottoporsi al test delle urine.

A denunciare lo sconfinamento è la Rainbow4Africa, Ong che assiste i migranti che tentano di varcare la frontiera delle Alpi per raggiungere la Francia. E' stata una "grave ingerenza nell'operato delle Ong e delle istituzioni italiane", si legge in una nota diffusa a tarda sera. Da alcuni mesi Bardonecchia, località sciistica della Valle di Susa, si trova al centro della rotta dei migranti che, abbandonata la via di Ventimiglia, tentano di raggiungere la Francia nonostante la neve e il gelo.

Nella sala della stazione di Bardonecchia, oltre ai volontari, operano i mediatori culturali e gli avvocati di Asgi. "Riteniamo questi atti delle ignobili provocazioni", ha detto il presidente di Rainbow4Africa, Paolo Narcisi. "Abbiamo fiducia nell'operato delle istituzioni e della giustizia italiana, che sono state investite della responsabilità di attuare i passi necessari verso la Francia. Il nostro unico interesse rimane assicurare rispetto dei diritti umani dei migranti". 

Per l'avvocato Lorenzo Trucco, presidente di Asgi "quanto accaduto è una gravissima violazione non solo di quel sistema dei diritti umani che dovrebbe contraddistinguere l'Europa, ma anche una violazione dei principi basilari della dignità umana, intollerabile nei confronti di persone venute per richiedere protezione. Si valuterà, pertanto, ogni possibile azione per contrastare simili comportamenti."