Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! Non permettere alle ferite di trasformarti in quello che non seiPaulo Coelho

Nuova Sabatini, disponibili 320 milioni per le piccole e medie imprese

di Alessandro Ragazzo
I soldi serviranno ad acquistare macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali a uso produttivo e hardware, nonché software e tecnologie digitali
Nuova Sabatini, disponibili 320 milioni per le piccole e medie imprese
Ministero dello Sviluppo economico

Le piccole e medie imprese hanno ancora a disposizione il 25% delle risorse dedicate alla “Nuova Sabatini”, pari a oltre 320 milioni di euro da investire “in macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali ad uso produttivo e hardware, software e tecnologie digitali”. Lo rende noto il ministero dello Sviluppo Economico, nel consuntivo sulla misura, aggiornato al 30 marzo. Si tratta di un’agevolazione per facilitare l’accesso al credito delle imprese e accrescere la competitività del sistema produttivo del Paese

Su uno stanziamento complessivo di 1,27 miliardi di euro, sono state effettuate prenotazioni per 953 milioni di euro circa, secondo i dati del ministero, che, con la misura “Beni strumentali” (cosiddetta Nuova Sabatini). Possono beneficiare dell'agevolazione le imprese di tutti i settori produttivi, inclusi agricoltura e pesca, ad eccezione delle attività finanziarie e assicurative, e quelle connesse all’esportazione.

Gli investimenti devono soddisfare l’autonomia funzionale dei beni, non essendo ammesso il finanziamento di componenti o parti di macchinari che non soddisfano tale requisito e la correlazione dei beni oggetto dell’agevolazione all’attività produttiva svolta dall’impresa.

l finanziamento, che può essere assistito dalla garanzia del “Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese” fino all’80% dell’ammontare del finanziamento stesso, deve essere di durata non superiore a 5 anni, d’importo compreso tra 20 mila euro e 2 milioni di euro, interamente utilizzato per coprire gli investimenti ammissibili.

La piccole e media impresa presenta alla banca o all’intermediario finanziario, unitamente alla richiesta di finanziamento, la domanda di accesso al contributo ministeriale, attestando il possesso dei requisiti e l'aderenza degli investimenti alle previsioni di legge. Le modalità di presentazione della domanda di accesso al contributo sono descritte nella sezione Beni strumentali (“Nuova Sabatini”) - Presentazione domande.