Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! La vita è breve. Perdona in fretta, bacia lentamente, ama davvero, ridi sempre di gusto e non pentirti mai di qualsiasi cosa ti abbia fatto sorridere, oppure piangereSergio Bambarén

Milano, si scaldano i motori per l’Italia Beer Festival

di Alessandro Ragazzo
Appuntamento dal 23 al 25 marzo allo Spazio East Ends Studio 90 anche con proposte internazionali

È tutto pronto a Milano per ospitare l’Italia Beer Festival, il primo festival sulle birre artigianali d’Italia che ora diventa pure internazionale. Sarà lo Spazio East Ends Studio 90 di via Mecenate 88/A a ospitare la tre giorni e la novità dell’anno riguarda la possibilità di degustare prodotti artigianali di diversi birrifici esteri. Dagli Stati Uniti ci sarà Lost Coast, dall’Inghilterra avremo Cromarty, Wylam, Trak, dalla Svezia Stigbergets, O/O Brewing, Beerbliotek, Omnipollo, dalla Norvegia 7F Jell, dalla Francia Le Debauche, dal Belgio Caulier e dalla Grecia Chios e Satyr.

L’idea è di Paolo Polli, già autore dell’Italia Beer Festival dal 2005, la prima manifestazione italiana dedicata alla birra artigianale, arrivata alla tredicesima edizione, che oggi si apre all’estero, nonché fondatore della prima Associazione Degustatori Birra e tra i primi promotori dell’eccellenza brassicola artigianale italiana con il programma BQ TV dedicato alla birra e ai pub su un canale Sky e la rivista BQ (Birra Artigianale di Qualità).

«Tredici anni di festival – spiega Polli – sono un grande traguardo per me e per gli appassionati di birra artigianali, nonché per i birrifici che sono stati fedeli in tutti questi anni. Si può dire che siamo stati i pionieri di tanti festival che hanno preso ispirazione dal nostro, e per noi è un onore. Siamo stati tra i primi, 13 anni fa, a parlare di birra artigianale e a riunirci nel primo festival, ci hanno additato di follia. Ma dopo tante edizioni siamo ancora qui a offrire delle belle esperienze degustative a chi di birra ne capisce davvero. Per questo festival, per festeggiare il compimento dei 13 anni, ospitiamo per la prima volta anche dei birrifici esteri.

Tredici è un numero negativo o fortunato? Per scongiurare qualsiasi pericolo, per questa edizione si è deciso di portare a 6 euro il prezzo d’ingresso alla manifestazione rispetto agli 8 euro che erano solitamente previsti (2 euro di cauzione per il bicchiere). Tante le degustazioni e le masterclass sulla birra completamente gratuite, da prenotare al momento fino a esaurimento posti.

Agli East Studios, sarà possibile degustare birre da 10 e 25 centilitri. Per le aziende italiane ci saranno BQ di Milano, War di Cassina de’ Pecchi (Milano), L’Inconsueto di Busto Arsizio (Varese), Birra Eretica di Ornago (Monza Brianza), The Brave di Lodi, Opera- Pavese di Pavia, Legnone di Dubino (Sondrio), La Birra di Meni di Cavasso Nuovo (Pordenone), Otus  di Seriate (Bergamo), Toccalmatto di Fidenza (Parma) e Birra Epica di Sinagra (Messina).

Inoltre si potranno assaggiare le pizze di Ambaradan, dove è il cliente a decidere quanto vale la propria cena, si decide quanto pagare la propria pizza decretando se M (migliorabile), B (buona) o O (ottima); lo Scarrozzino per un gustoso fritto ascolano; Porcky di pura cucina bergamasca e il BQ De Nott con il suo inconfondibile panino con polpetta di cavallo.

Italia Beer Festival è da sempre teatro di musica live: con musica Rock’n’Roll venerdì si esibiranno gli Howlin Lou and His Whip Lovers dalle 22.30, mentre sabato dalle 21.30 si ascolterà la musica folk pop “buffe canzoni d’amore complicato” di Roberta Carreri per canzoni d’amore all’italiana e dalle 23 i Chilly Whilly, tribute band dei Red Hot Chili Peppers.

Gli orari di apertura del festival saranno venerdì 23 marzo dalle 17 alle 2; sabato 24 marzo dalle 12 alle 2 e domenica 25 marzo dalle 12 a mezzanotte. Per chi desidera, sarà consentito portarsi un bicchiere proprio.