Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! L’infelicità è più pesante della terra, nessuno sa lasciarla.Lao Tsu

Salvini a Ischia tra i terremotati: "Qui qualcuno non ha agito"

Mentre è in vacanza sull'isola partenopea con la compagna Elisa Isoardi, incontra i residenti che ancora attendono un intervento da parte del governo dopo il sisma dello scorso agosto. "Vi riceverò a Roma", promette
Salvini tra i terremotati di Ischia
Elisa Isoardi col compagno, il leader della Lega Matteo Salvini.

Ischia - Hanno atteso Matteo Salvini in silenzio, con il vento che flagellava i teli in plastica che ricoprono la baracca ironicamente battezzata "Ristorante la scossa" e poi "La (Ri)scossa". Sono rimasti in pochi, la cuoca che confezionata i pasti dei residenti più ostinati si è ammalata e non cucina più, ma la rabbia è ancora tanta.

Sulla porta c'è ancora l'effige della Madonna Addolorata, quella che vegliava su Casamicciola nell'omonima chiesa crollata con il terremoto del 21 agosto dell'anno scorso, facendo anche una vittima, Lina Balestrieri, la catechista 52enne tanto amata dagli abitanti del piccolo comune di Ischia. C'è il sole, ci sono i cani che giocano in strada, ma tutto è spettrale, pieno di macerie, solo le facciate delle case puntellate per garantire la viabilità dell'arteria che ancora collega 1200 residenti con il resto dell'isola.

E' qui che oggi è arrivato il leader della Lega, accompagnato dai sindaci di Casamicciola, Giovambattista Castagna, e di Lacco Ameno, Giacomo Pascale, insieme ai parlamentari Pina Castiello, Gianluca Cantalamessa e Domenico De Siano. Salvini si è fermato a lungo davanti la chiesa dove ha perso la vita la catechista, colpita dalle macerie mentre scendeva dall'auto con il marito, rimasto illeso. "Qui qualcuno non ha agito", dice Salvini guardando piazzette e vie deserte, case e negozi chiusi e abbandonati.

Dai terremotati tante richieste, soprattutto quella di ricostruire in fretta. Poi Il leader del Carroccio si apparta per una telefonata e, mentre parlava al cellulare, alza gli occhi e coglie un limone da una pianta. Il gesto non passa inosservato. Dopo pochi minuti, il comitato dei residenti gli porgono una busta colma di agrumi che il padano Salvini molto apprezza. Poi la timida domanda del gruppo: "Ci riceve a Roma?". "Ho ricevuto marchigiani e umbri, incontro volentieri anche voi", la risposta pronta.