Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! L’infelicità è più pesante della terra, nessuno sa lasciarla.Lao Tsu

La pasta fa bene e non fa ingrassare: ha l'indice glicemico basso

Lo dice l'ultima ricerca del St. Michael's Hospital di Toronto che ha analizzato circa 2.500 persone. Attenzione invece agli altri carboidrati raffinati. "Addirittura contribuisce alla perdita di peso", sostiene l'esperto John Sievenpiper
La pasta non fa ingrassare

Un nuovo studio realizzato in Canada al St. Michael's Hospital di Toronto, epubblicato su BMJ Open, Ifa titrare un sospiro di sollievo a noi italiani, grandi mangiatori di pasta: il basso indice glicemico, a differenza della maggior parte dei carboidrati raffinati, viene rapidamente riassorbito nel flusso sanguigno e quindi non contribuisce all'aumento di peso.

"Questa proprietà" - spiegano i ricercatori dell'ospedale canadese - "provoca minori aumenti dei livelli di zucchero nel sangue rispetto a quelli causati dal consumo di cibi con un alto indice glicemico". La ricerca si è basata sulla revisione e analisi di 30 studi controllati e randomizzati su circa 2.500 persone che hanno mangiato pasta invece di altri carboidrati come parte di una dieta sana a basso indice glicemico.

"Lo studio ha rilevato che la pasta non ha contribuito all'aumento di peso o del grasso corporeo - spiega John Sievenpiper, autore principale della ricerca. "In realtà l'analisi ha mostrato una leggera perdita di peso, quindi, contrariamente alle preoccupazioni, forse la pasta può essere parte di una dieta sana come quella a basso indice glicemico".

Le persone coinvolte nella ricerca hanno mangiato in media 3,3 porzioni di pasta alla settimana al posto di altri carboidrati. Una porzione equivaleva a circa mezza scodella di pasta cotta e il risultato è stato una perdita in media di circa mezzo chilo con un follow-up medio di 12 settimane.

"Possiamo dire con una certa sicurezza che la pasta non ha un effetto negativo sugli esiti del peso corporeo quando viene consumata come parte di un regime alimentare sano", conclude Sievenpiper.