Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! La nostra felicità più grande non sta nel non cadere mai, ma nel risollevarsi sempre dopo ogni cadutaConfucio

Scoperta in Sardegna una pianta che aiuta a bloccare il virus dell'Hiv

Un'equipe multidisciplinare dell'Università di Cagliari ha studiato l'Hypericum scruglii, tra le piante officinali utilizzate nella medicina popolare. Blocca gli enzimi che permettono al virus di replicarsi e potenzialmente causare l'Aids
In sardegna la pianta che aiuta a bloccare il virus dell'Hiv

Cagliari - Una pianta endemica presente in Sardegna potrebbe essere fondamentale nella lotta contro il virus Hiv. Lo hanno scoperto un gruppo di ricercatori dell’Università di Cagliari, in particolare dai gruppi di Virologia e di Botanica del Dipartimento di Scienze della Vita, studiosi sempre a contatto con la natura della Sardegna.

I ricercatori hanno identificato per la prima volta nell’Hypericum scruglii un metabolita appartenente alla classe dei floroglucinoli prenilati, che si è dimostrato capace di inibire a concentrazioni molto basse due enzimi chiave dell’Hiv-1 e quindi la sua replicazione in saggi cellulari. In altre parole, sono riusciti a isolare in laboratorio sei composti (principi attivi) individuando la molecola che blocca gli enzimi "colpevoli" di permettere al virus di replicarsi.

Un risultato importante. Attraverso le ulteriori analisi di laboratorio che serviranno a ottimizzare e potenziare la molecole, a definire dosaggi e a escludere eventuali tossicità, si potrebbe arrivare in futuro alla realizzazione di un farmaco in sostituzione dell'attuale cocktail di medicinali per la terapia dell'Hiv-1.

In particolare, il composto più attivo è una molecola "multitarget" e quindi innovativa perché permette di agire su più fronti contemporaneamente, puntando così a un'eventuale riduzione dei farmaci usati nell'attuale mix.

"La molecola è in grado di inibire in vitro la trascrittasi inversa e l'integrasi dell'immunodeficienza umana di tipo 1 e si è dimostrata in grado di inibire anche la replicazione del virus in colture cellulari - spiega la virologa e ricercatrice di microbiologia, Francesca Esposito.

"Questo composto non era mai stato isolato prima di questo studio. Abbiamo visto che le piante endemiche, anche grazie all'isolamento, sono in grado di produrre composti originali - dice Cinzia Sanna, ricercatrice di Botanica Farmaceutica - Questo progetto sta andando avanti da 8-9 anni sulle piante della Sardegna e abbiamo saggiato ad oggi 20-25 estratti di specie endemiche. Alcune si sono dimostrate attive sull'Hiv: questa è una di quelle più interessanti".

L'Hypericum scruglii è localizzata in aree ristrette della Sardegna, Ogliastra e Sarcidano (in provincia di Oristano) dove ci sono calcari mesozoici.