Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! Non permettere alle ferite di trasformarti in quello che non seiPaulo Coelho

Prove Invalsi 2018: matematica la materia più difficile, ancora troppi disagi per i computer

Il 25 per cento dei ragazzi ha lamentato disagi tecnici: molti hanno lamentato il malfunzionamento degli strumenti messi a disposizione, altri hanno lamentato una linea internet instabile. Alcuni entrambe le cose.
Prove Invalsi 2018: matematica la materia più difficile, ancora troppi disagi per i computer

Sono iniziati lo scorso 4 aprile i test delle prove Invalsi, per gli studenti di terza media. Sono tre le prove: Italiano, Matematica, Inglese, da svolgere nell'arco di 3 settimane, entro il 21 di questo mese. Il tutto, inevitabilmente, davanti a un computer. Il sito Skuola.net ha chiesto a 4.500 studenti di terza media, come sono andate le prove. Oltre la metà del campione (2.500 studenti), ha dichiarato di aver già iniziato almeno con uno dei tre questionari. La maggioranza ha risposto in modo positivo affermando che è andato tutto bene, ma il 25 per cento ha lamentato disagi tecnici (mal funzionamento del computer, linea internet non stabile, o entrambe le cose. 

Secondo i dati raccolti, solo il 17 per cento di chi non ha ancora svolto il test (quasi la metà degli intervistati) è ancora in attesa che la scuola trovi i computer. Gli altri riferiscono che si stanno organizzando (21%), oppure non sanno di preciso le motivazioni del ritardo (62%). Tutto sommato, questo nuovo Invalsi piace: il 37% di chi l’ha già svolto si è detto contento del passaggio al digitale, perché ha trovato particolarmente chiaro il questionario on line. 

Riguardo al test d'inglese solo  il 21 per cento ha dichiarato che la prova di lingua è stata più impegnativa delle altre. Molto più temuta la Matematica, che continua a essere la materia più ostica, tanto che il 52 per cento l’ha indicata come la prova più difficile in assoluto. Solo il 6 per cento ha considerato l'Invalsi 2018 “impossibile” e il 13 per cento l’ha considerato “molto difficile”. Per la maggioranza si è trattato di un test di media difficoltà (57 per cento). Quasi 1 su 4 l’ha trovato addirittura facile.