Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! L’infelicità è più pesante della terra, nessuno sa lasciarla.Lao Tsu

Una raccolta fondi su Facebook per aiutare Chirurgia del pancreas di Verona

di Alessandro Ragazzo
Fabrizio Stevanato, dopo aver espresso la volontà di correre la maratona di Venezia, punta ad avere quel denaro necessario per acquistare i macchinari per i medici
Una raccolta fondi su Facebook per aiutare Chirurgia del pancreas di Verona
Fabrizio Stevanato

Il suo sogno è la maratona di Venezia. Intanto si allena ma sta cercando anche di aiutare gli altri. Fabrizio Stevanato, 43 enne di Noale (Venezia), dopo aver raccontato la sua storia, la sua malattia, la sua voglia di ricominciare, sta promuovendo una raccolta fondi, attraverso Facebook, per acquistare dei macchinari da destinare alla Chirurgia del pancreas di Verona, il reparto che lo ha avuto in cura nei mesi scorsi. Lì è stato operato otto ore per rimuovere il brutto male, da lì ha cominciato la riabilitazione per presentarsi alla corsa del 28 ottobre da Stra (Venezia) allo stesso capoluogo veneto.

Complice la patologia, ha perso 30 chili e si sta dimostrando un grande esempio di voglia di vivere e di ripartire. Ora punta ad aiutare chi aiuta. Nella pagina Facebook, “Corri in muso al cancro”, ha chiesto il supporto della gente. «Dopo le preziose cure che mi hanno permesso di superare la difficile prova della malattia – scrive l’uomo – ora è il momento di ricambiare in modo concreto. Ovvero, destinando le risorse che riusciremo a mettere assieme al reparto di Chirurgia del Pancreas Verona, consentendogli così di rinnovare i propri computer portatili, indispensabili per il lavoro quotidiano del personale. Molti di voi, in queste settimane di forte attenzione mediatica attorno alla mia vicenda, mi hanno chiesto come poter contribuire. E ho pensato come la funzione di Facebook sia tra gli strumenti che valga la pena utilizzare. Rivolgo fin da ora un grandissimo ringraziamento a tutte le persone che vorranno aderire a questa raccolta o anche a diffondere l’iniziativa tra i propri contatti». L’obiettivo è toccare quota 10 mila euro.