Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! L’infelicità è più pesante della terra, nessuno sa lasciarla.Lao Tsu

Show elettrizzante a Roma: vince lo svedese Rosenqvist

di Giulio Verde
Il primo Gp di Formula E nelle strade dell'Eur non ha lesinato emozioni e si è deciso solo alle ultime curve. Qualcuno è rimasto senza batterie. Tra un anno si replica
rosenqvist
Rosenqvist (su Mahindra) ha vinto il Gp di Roma in Formula E (Ipa)

ROMA - Promessa di spettacolo mantenuta: il Gran Premio imperiale, disputato all'Eur, ha regalato emozioni ad alta tensione... Sorpassi e contatti, imprevisti, incertezza dino alle ultime curve della gara. Con qualche auto che ha finito in anticipo, con le batterie scariche. Fa parte dei rischi della Formula E.

Dopo 23 giri il colpo di scena: lo svedese Rosenqvist (Team Mahindra) ha messo fuori causa il dominatore - fino a quel momento - l’inglese Bird(Virgin team di DS, marchio di Peugeot-Citroen) e ha preso il comando.

E' stato poi incalzato da Evans (Jaguar), poi da Di Grassi su Audi, che ha terminato la gara secondo dopo alcuni giri intensi. Completa il podio il tedesco Lotterer della cinese Techeetah. Bird, secondo in classifica generale, dietro a Vergne.

Uno scontro tra più vetture ha provocato la bandiera gialla a metà gara, proprio nel momento del cambio macchine (obbligatorio per tutte le batterie), spettacolare come nella MotoGP, con il salto da una vettura all’altra. La bandiera verde è tornata a 14 giri (su 33) dal termine. 

A seguire il Gp oltre trentamila persone, buon risultato. La corsa è stata interessante anche se non paragonabile a Formula Uno o Le Mans. Le Formula E quasi paradossalmente sono senbrate più “umane”. Tutt’altro che perfette. Leggerine, fragili con poca tenuta e pneumatici quasi normali, pesano di più, frenano peggio.

Qui conta di più il pilota. Almeno per adesso. Per le strade dell’Eur e lo show non è mancato: a velocità non esaltante, ma con grande intensità. Presenti i big dell’automobilismo. Jean Todt, boss della FIA e Angelo Sticchi Damiani, presidente ACI. E non solo, anche Giovanni Malagò. L’edorsemennt traversale, da sport e politica è stato plebiscitario: si correrà Roma anche il prossimo anno. Con altri prezzi grossi che scenderanno in campo. Due colossi, per storia e prestigio, come Porsche e BMW. Sarà sempre più elettrizzante!