Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! L’infelicità è più pesante della terra, nessuno sa lasciarla.Lao Tsu

Tevez gioca in carcere con il fratello e si fa male: stop di un mese

di Luca Borioni
L'attaccante del Boca Juniors sarebbe andato a trovare Juan, recluso dal 2010 per rapina, partecipando a una partita tra detenuti piena di interventi durissimi. Si è presentato al campo di allenamento gialloblù con un infortunio muscolare
Carlos tevez
Carlitos Tevez, 33 anni, ai tempi di Shangai (Ipa)

Gioca una partitella sul campo di un carcere e si fa male, rischiando di rimanere fermo per un mese proprio alla vigilia di una serie di partite decisive. È successo a Carlitos Tevez, ex attaccante della Juventus e ora nuovamente protagonista in Argentina con la squadra del cuore, il Boca Juniors

IL FRATELLO IN CARCERE A quanto pare, Tevez aveva accettato un invito del fratello, Juan Alberto Martinez, 31 anni, che da otto si trova recluso nell'istituto penitenziario di Bouwer, provincia di Cordoba. Juan era finito dentro per una rapina con assalto a un furgone blindato nel 2010 e deve scontare altri otto anni di carcere. Nei giorni scorsi aveva chiesto all'Apache di partecipare a una partita amichevole tra detenuti. E l'illustre fratello aveva ovviamente risposto di sì. È infatti noto il solido legame che lega Tevez ai suoi amici e parenti: proprio il desiderio di riavvicinarsi a casa aveva spinto l'attaccante a svincolarsi in anticipo rispetto al contratto che lo legava alla Juve per tornare al Boca. Dopo una poco convinta parentesi in Cina, il giocatore del popolo (come è soprannominato in Argentina) è tornato nuovamente nella casa gialloblù.

GUAI MUSCOCOLARI Ora questo episodio fa pensare a una dura reazione da parte del club. Tevez è sceso in campo in una gara di soli 20 minuti ma molto intensa e, soprattutto, piena di interventi durissimi. Nulla di strano per Tevez, abituato a giocare in quel modo fin dall'infanzia trascorsa nei suo barrio, il rione dell'Ejercito de los Andes nel quale è cresciuto, vietato alla polizia. Ma a un certo punto l'ospite illustre si è dovuto fermare, probabilmente a causa di un infortunio muscolare. Si dice che possa rischiare uno stop di un mese. Come la prenderà la dirigenza del Boca? Nessuno sapeva nulla dell'accaduto. I giocatori gialloblù avevano ottenuto due giorni di riposo, ma Tevez si è presentato in anticipo al campo per chiedere di essere curato. Si è poi saputo che aveva fatto visita al fratello in carcere, poi si sono aggiunte le voci circa questa partita non autorizzata e - è il caso di dirlo - galeotta.