Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! La nostra felicità più grande non sta nel non cadere mai, ma nel risollevarsi sempre dopo ogni cadutaConfucio

Tropico italiano: le meraviglie dell’Elba

di Antonio Devetag
Spiagge multicolori e una primavera che regala profumi intensi e colori sgargianti, passando dal mare al monte Capanne, alto un chilometro sopra il livello del mare
La spiggia di Fetovaia
La spiggia di Fetovaia

Spiagge bianchissime, ma anche nere, o rossicce, un mare trasparente e un’aria tiepida accarezzata dai venti che tirano tra gli Appennini e la Corsica: l’isola d’Elba, con le sue cittadine i suoi paesi  e lo straordinario Monte Capanne, alto oltre mille metri, è un piccolo compendio delle bellezze  italiane.

Elba, costa nord
Elba, costa nord

Sulla sua superficie di 200 km quadrati, incorniciati  da 147 km di coste e da un mare turchese, l’isola d’Elba  ha spiagge per tutti i gusti: minuscole calette ghiaiose, estesi arenili di sabbia dorata, spiagge di sabbia nera, altre di ciottoli bianchissimi, imponenti scogliere di granito e basalti.

Calette nascoste, dove nidificano gli uccelli marini e i pesci si intravedono già dagli scogli, tanto l’acqua è trasparente: la Cotaccia, proprio accanto a Patresi, o Fonza, vicino a Marina di Campo, o ancora una delle tante insenature della penisola del Calamita. All’Isola d’Elba si possono praticare tutti gli sport acquatici dalla vela al kayak fino allo snorkeling   e a surf.

L’isola è legata storicamente a Napoleone, che vi risiedette in esilio  tra il 1814 ed il 1815. E sono tanti i personaggi del cinema o dello spettacolo che scelgono oggi l’isola per le proprie vacanze e si rifugiano nella tranquillità e nella natura elbana per trascorrere il periodo in un ambiente elegante ed esclusivo.

La città principale dell’Elba è Portoferraio, col duomo, la casa di Napoleone Bonaparte, le fortezze e la sua storia medicea e napoleonica. Altre importanti località sono Rio Marina, ex porto minerario, con relativo museo e parco minerario, ricostruzione degli ambienti di lavoro ai tempi dell’attività estrattiva e giro in miniera alla ricerca di minerali incastonati nelle rocce.

 

Portoferraio

Da visitare  Campo nell’Elba, con la spiaggia magnifica di Marina di Campo; Marciana sul fianco del monte Capanne (escursione in gabbiovia), con l’antico borgo, e Marciana Marina, tra le località balneari più famose, per la ricchezza della sua flora mediterranea e il suo lungomare.

Ma anche Porto Azzurro, con la sua Fortezza a forma di stella  e la spiaggia Barbarossa, così detta per la sua sabbia rossiccia; Capoliveri, con la miniera abbandonata di punta Calamita, la baia dell’Innamorata, i panorami di Pianosa, Montecristo e Corsica.

Monte Capanne
Monte Capanne

La primavera sull’Elba è incantevole, la stagione giusta per dimenticare qualsiasi stress. Si può pranzare in riva al mare e poi cenare in montagna, magari al ristorante Publius o in altre strairdinarie trattorie, salendo il Monte Capanne, che si può raggiungere anche con una cabinovia che parte da Marciana e raggiunge la cima in 14 minuti.

Selle pendici di questo massiccio di 1019 metri, si possono  tra l’altro  ammirare varie forme vegetali  endemiche, orchidee di rara bellezza, profumatissime fioriture in primavera e nello stesso tempo godere di un panorama straordinario.

Tramonto sull'Elba

Ricchissima l'enogastronomia: i piatti tipici sono il cacciucco(zuppa di pesce), la sburrita (a base di stoccafisso), il gurguglione (misto di verdure cotte in umido) e la schiaccia briaca, torta di noci, uva passa, nocciole e pinoli impastati nel vino elbano più rinomato, l’Aleatico. Altri prodotti della tradizione enologica dell’isola sono l’Ansonica bianco, l’Elba rosso e bianco.
 

Antonio Devetag