Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! La nostra felicità più grande non sta nel non cadere mai, ma nel risollevarsi sempre dopo ogni cadutaConfucio

Pasqua, Parma sfodera sapori inimitabili

di a.d.
I musei dei cibo della provincia aprono le loro porte per le festività. Occasioni golosissime tra cultura e sapori. Tutti i brand che hanno reso celebre lo Stivale
Museo del prosciutto
Museo del prosciutto

Parma mette in mostra le sue eccellenze enogastronomiche e lo fa alla grande, nei musei che il territorio ha dedicato ai prodotti che hanno fatto l'Italia famosa nel mondo dei gourmet, e non solo. I Musei del Cibo della provincia di Parma, infatti,  sono aperti durante le festività pasquali ed è possibile prenotare e acquistare on-line i biglietti.

Museo del Parmigiano Reggiano
Museo del Parmigiano Reggiano

Si tratta del Museo del Prosciutto (Langhirano), Museo della Pasta (Collecchio), Museo del Pomodoro (Collecchio), aperti dalle 10 alle 18; Museo del Salame (Felino) dalle 10 alle 13; Museo del Parmigiano Reggiano (Soragna) dalle 14 alle 18 e Museo del Vino (Sala Baganza) dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18.
 
 Musei di Qualità della Regione Emilia-Romagna  costituiscono un circuito dedicato ai prodotti tipici del territorio parmense, è attivo il servizio di prenotazione e acquisto on line dei biglietti. È sufficiente andare sul sito www.museidelcibo.it (info pratiche, prenotazioni online).

A Langhirano la visita si conclude con l’assaggio alla “Prosciutteria del Museo” e al negozio dei prodotti d’eccellenza del territorio e, se si è appassionati d’arte, non può mancare la sosta alla Fondazione Magnani Rocca e al Castello di Torrechiara. A Sala Baganza il percorso museale si conclude con la degustazione nell’enoteca nei sotterranei della Rocca (irrinunciabile è la visita alla Rocca che ospita il Museo).

Museo del Vino
Museo del Vino

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alla Corte di Giarola (Collecchio) c’è la possibilità di fermarsi a pranzare nel vicino ristorante e di visitare il Parco Regionale Fluviale del Taro e fare il percorso natura o il Parco Regionale dei Boschi di Carrega.

a.d.