Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! La vita non si misura attraverso il numero di respiri che facciamo, ma attraverso i momenti che ci lasciano senza respiroMaya Angelou

Emergenza rifiuti, un'intesa per la svolta. "Trasformiamo la terra dei fuochi in terra dei cuori"

Presentato a Caserta dal governo gialloverde un protocollo d'intesa sull'emergenza rifiuti che interessa sette ministeri, oltre alla Regione Campania e alle prefetture di Caserta e Napoli. Il premier Conte: "obiettivo è tutelare salute pubblica"
Caserta

È stato firmato in prefettura a Caserta il Protocollo d'Intesa sulla Terra dei Fuochi. A sottoscrivere l’intesa, oltre al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e ai due VicePremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini, il Ministro all’Ambiente Sergio Costa, il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, il ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, il ministro per il Sud, Barbara Lezzi, il sottosegretario al ministero della Salute, Armando Bartolazzi, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, e i prefetti di Caserta, Raffale Ruberto, e di Napoli, Carmela Pagano.

Il protocollo "coinvolge 7 ministeri" e "sta a significare - ha detto il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa - una particolare sensibilità e determinazione del governo" a contrastare i roghi, le discariche abusive il traffico dei rifiuti: "l'obiettivo, ben preciso, è tutelare la salute delle popolazioni che vivono su questo territorio della terra dei fuochi". "Vogliamo trasformare la terra dei fuochi in terra dei cuori" ha aggiunto il premier ricordando le parole della piccola Aurora, la 12enne di Caivano malata di cancro, diventata simbolo della lotta ai veleni nella “Terra dei Fuochi”, incontrata nel pomeriggio dalla delegazione del governo.

Aurora
Aurora incontra il governo gialloverde

 

Di Maio ha spiegato che "finalmente coinvolgiamo medici di base per monitorare gli indici tumorali". Secondo il vicepremier, "abbiamo davanti un lavoro grosso, il più grosso per il governo. In quasi ogni regione esiste una Terra dei fuochi, se la debelliamo qui possiamo debellarla ovunque. Stiamo ridando il diritto di respirare ai cittadini di questa terra e a questa terra". 

Come annunciato, il governo utilizzerà le forze dell'ordine per controllare le discariche. "In questo modo - spiega infatti Di Maio - riusciamo a spostare subito in quell'area ciò che serve, prima di tutto forze dell'ordine e strumenti di intelligence per fermare un nuovo fenomeno della Terra dei fuochi, gli incendi ai siti di stoccaggio. Useremo carabinieri specializzati e un monitoraggio sanitario attraverso il coinvolgimento dei medici di base con il progetto Epica adottato dalla Regione". La ministra della Difesa Elisabetta Trenta spiega al proposito che "la Difesa mette a disposizione non soltanto i militari ma anche dei mezzi, fra cui droni e satelliti. C'è un nucleo ambientale dell'esercito, tutto va inserito in strade sicure".

“Il 31 marzo scade l'accordo Anci-Conai - ha aggiunto infine il ministro dell'Ambiente Sergio Costa - io per il governo farò da pontiere per ottenere una differenziata di qualità e avviare il porta a porta con tariffa: chi inquina di meno paga di meno”.

Il vicepremier Luigi Di Maio ha quindi sottolineato: "C'è un governo non legato al business dei rifiuti sul territorio " e questo "può davvero cambiare le cose". “Sono molto felice per quello che abbiamo ottenuto. È il primo passo verso il riscatto di migliaia di persone. Ringrazio a nome del popolo campano il Presidente del Consiglio e tutti i Ministri che oggi qui a Caserta hanno firmato il protocollo. Siamo una grande squadra e vogliamo bene a questa terra!”

Il vicepremier Matteo Salvini è andato via senza partecipare alla conferenza stampa a Caserta, dove era atteso un suo intervento dopo la firma de protocollo sui rifiuti. Il premier Giuseppe Conte ha rivolto le scuse ai cronisti da parte del leader leghista. "È sopraggiunto un impegno al Quirinale'', ha spiegato. Fonti del Viminale precisano: "Nessuna polemica e nessun mistero. Il ministro Matteo Salvini non è intervenuto alla conferenza stampa di Caserta perché deve far rientro a Roma: questa sera parteciperà - come unico esponente del governo - a una cena al Quirinale". Questa sera il vicepremier prenderà parte alla cena in onore dell'Emiro del Qatar.