Prima Pagina>Ambiente>Apple, obiettivo riciclo con il robot Daisy: smonta 200 iPhone l’ora
Ambiente

Apple, obiettivo riciclo con il robot Daisy: smonta 200 iPhone l’ora

La casa di Cupertino spiega i nuovi passi a favore dell’ambiente in occasione di Earth Day: il robot recupera i materiali di valore contenuti nei dispositivi per il riutilizzo. Con GiveBack arrivano le donazioni a Conservation International

Due anni fa Liam, adesso Daisy. Apple ha appena presentato la sua nuova creatura capace di smontare gli iPhone alla velocità della luce e con enorme efficienza, recuperando i materiali di valore contenuti nel dispositivo. Creato dopo anni di ricerca e sviluppo, il robot Daisy integra tecnologie che si basano sull’esperienza fatta dalla casa di Cupertino con Liam, lanciato nel 2016 proprio in occasione dell’Earth Day,  in grado di disaggregare gli smartphone recuperando oro, rame, argento, cobalto e platino da riusare in nuovi prodotti.

Daisy è realizzato con alcuni componenti di Liam ed è in grado di smontare nove versioni di iPhone al ritmo di 200 pezzi l’ora, separando fra loro le parti di alta qualità per il riciclo, anche quelle che le aziende tradizionali non sono in grado di recuperare.

Il nuovo robot smonta iPhone non è che uno dei tanti impegni che Apple ha preso da tempo con l’ambiente. Nel suo rapporto ambientale la Mela spiega tutti i progressi fatti per ridurre l’impatto ambientale utilizzando fonti di energia rinnovabili e incentivando l’efficienza energetica nei suoi prodotti e nelle proprie strutture, preservare le risorse preziose, aprire la strada all’uso di materiali più sicuri nei propri prodotti e processi.

Apple ha da poco annunciato che le sue strutture globali (negozi, uffici, data center e strutture in co-locazione in 43 paesi, tra cui Cina, India, Regno Unito e Stati Uniti) sono ora alimentate con energia pulita al 100 per cento. Altri nove fornitori si sono impegnati ad alimentare tutta la loro produzione per l’azienda esclusivamente con energia pulita, portando a 23 il numero totale.

E in vista della Giornata della Terra che si celebra proprio oggi, Apple ha annunciato che, fino al 30 aprile, per ogni dispositivo ricevuto attraverso i negozi Apple eapple.com  con il programma Apple GiveBack, cioè la restituzione dell’usato, la società effettuerà una donazione all’organizzazione non-profit Conservation International.

In Apple, siamo costantemente al lavoro per trovare soluzioni intelligenti per affrontare il cambiamento climatico e conservare le preziose risorse del nostro pianeta – ha spiegato Lisa Jackson, Vice President Environment, Policy and Social Initiatives di Apple – in riconoscimento della Giornata della Terra stiamo rendendo quanto più facile possibile per i nostri clienti riciclare i nostri dispositivi e fare qualcosa di buono per il pianeta attraverso il programma Apple GiveBack. Siamo anche entusiasti di presentare Daisy al mondo, in quanto rappresenta ciò che è possibile quando i principi di innovazione e preservazione si incontrano“.

Rispondi