Prima Pagina>Ambiente>Cicloturismo, firmato accordo di programma con tre comuni costa livornese
Ambiente

Cicloturismo, firmato accordo di programma con tre comuni costa livornese

Firmato un Accordo di Programma tra Regione Toscana e i Comuni di Castagneto Carducci , Cecina e Bibbona per la realizzazione di tre tratti di piste ciclabili nell’ambito del progetto della Ciclopista del Tirreno. Il cicloturismo aumenta i consensi

Firmato un Accordo di Programma tra Regione Toscana e i Comuni di Castagneto Carducci , Cecina e Bibbona per la realizzazione di tre tratti di piste ciclabili nell’ambito del progetto della Ciclopista del Tirreno. Le risorse regionali messe a disposizione ammontano a 140 mila euro.L’accordo, finalizzato alla riqualificazione del tessuto urbano, in coerenza con gli interventi di rilancio e valorizzazione dell’area costiera livornese previsti nel piano strategico per lo sviluppo della costa toscana, è stato sottoscritto dall’assessore regionale al turismo Stefano Ciuoffo e dai sindaci Sandra Scarpellini (Castagneto Carducci), Samuele Lippi (Cecina) e Massimo Fedeli (Bibbona). “Prosegue – afferma l’assessore Ciuoffo – l’impegno della Regione verso la realizzazione di piste ciclabili, convinti che accelerare sulla realizzazione di queste infrastrutture sia uno dei punti chiave per lo sviluppo del turismo legato all’utilizzo della bicicletta, un segmento in crescita in grado di attirare turisti e sportivi anche fuori dai confini nazionali. Il turismo lento e attento troverà, è questo il nostro intento, una serie di arterie che dal Casentino al Tirreno, dalla Liguria al Lazio daranno vita a un sistema di piste collegate tra loro tra le più belle d’Europa. Non avremo nulla da invidiare all’Olanda perchè il valore aggiunto di piste ciclabili ben realizzate, sicure e con un buon tracciato è l’avere la Toscana attorno: la bellezza del nostro paesaggio renderà queste piste mete privi legiate del cicloturismo”. Da qualche anno ormai le “autostrade a due ruote” riscuotono ampi consensi a Nord, Centro e Sud Italia, attirando decine di migliaia di cicloturisti. Una nuova formula per trascorrere le vacanze immersi nella bellezza del territorio italiano ed in sicurezza. Lo “slow tourism” è molto ambito da amanti della bicicletta e anche da numerose famiglie. 

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *