Lo studio, 40 milioni di persone in più a rischio inondazione costiera entro fine del secolo

Pubblicato il: 11/12/2019 11:37

I ghiacciai della Groenlandia si stanno sciogliendo a una velocità 7 volte più elevata rispetto agli anni Novanta a causa del global warming. Questa eccezionale situazione, che coincide con lo scenario più pessimistico delle proiezioni dell’Ipcc (Intergovernmental Panel on Climate Change), esporrà 40 milioni di persone in più al rischio di inondazione costiera entro la fine del secolo.

È il risultato di uno studio condotto da un team internazionale di 89 ricercatori appartenenti a 50 tra università e istituti di ricerca, tra cui l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, e con il supporto di Esa e Nasa, pubblicato oggi sulla rivista “Nature”. Lo studio mostra che dal 1992 ad oggi la Groenlandia ha perso 3.800 miliardi di tonnellate di ghiaccio, sufficienti a far innalzare il livello globale dei mari di oltre 1 cm.

I dati indicano, inoltre, un aumento significativo della velocità con cui i ghiacciai della Groenlandia fondono: dai 33 miliardi di tonnellate l’anno del 1990 ai 254 miliardi l’anno dell’ultimo decennio, corrispondenti a un aumento di oltre 7 volte in 30 anni. Il 2011, in particolare, è stato l’anno in cui si è registrata la massima velocità di scioglimento dei ghiacciai, pari a 335 miliardi di tonnellate l’anno, 10 volte il tasso di scioglimento del 1990.

“Nel 2013 – spiega Daniele Melini dell’Ingv – l’Ipcc aveva previsto un aumento del livello globale degli oceani di 60 cm per il 2100, che avrebbe esposto 360 milioni di persone nel mondo al rischio di inondazioni costiere. Ma i nuovi risultati dimostrano chiaramente che lo scioglimento dei ghiacciai della Groenlandia procede a un ritmo più veloce del previsto, corrispondente allo scenario più pessimistico elaborato dall’Ipcc, cui corrisponderebbe un aumento globale del livello del mare di ulteriori 7 cm entro il 2100”.

 

 

 

 

Adnkronos.

Rispondi