Prima Pagina>Ambiente>Giornata mondiale dell’alimentazione 2018: Le azioni sono il nostro futuro
Ambiente Sociale

Giornata mondiale dell’alimentazione 2018: Le azioni sono il nostro futuro

Il 45% delle morti infantili, infatti, è dovuto alla denutrizione, mentre 151 milioni di bambini al disotto dei 5 anni soffrono di rachitismo. La fame nel mondo uccide più dell’Aids e della tubercolosi. Il cibo è vita e libertà

(SkyTg24)

La Giornata Mondiale dell’alimentazione  si celebra tutti gli anni il 16 ottobre. Istituita nel 1979 dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (più in breve la Fao ), ha come obiettivo la sensibilizzazione dell’opinione pubblica rispetto al problema della fame nel mondo. La scelta della data non è casuale visto che nello stesso giorno ricorre anche l’anniversario della fondazione della stessa Fao (16 ottobre 1945). Il tema dell’edizione di questo 2018 è riassumibile nello slogan della kermesse: “Le azioni sono il nostro futuro. Un mondo #famezero entro il 2030 è possibile”.

821 milioni di persone soffrono la fame

In occasione della Giornata mondiale dell’alimentazione la Farnesina ha ospitato il 12 ottobre una conferenza internazionale sugli obiettivi dello sviluppo sostenibile. Una conferenza “operativa”, ha auspicato  il viceministro agli Affari Esteri, Emanuela Del Re, che ha aperto i lavori con un minuto di silenzio ”per ogni bambino che ancora muore di fame”. Il 45% delle morti infantili, infatti, è dovuto alla denutrizione, mentre 151 milioni di bambini al disotto dei 5 anni soffrono di rachitismo. La fame nel mondo uccide più dell’Aids e della tubercolosi. Sono 821 milioni le persone che, nel 2017, hanno sofferto la fame. Il 60% di queste sono donne. Circa il 70% delle popolazioni più povere vive in aree rurali e lavora nel settore dell’agricoltura. “È dunque necessario – ha aggiunto Del Re – restituire a queste giornate di confronto il valore che meritano, il valore dell’azione”.

v

Stile di vita sostenibile per un mondo senza fame

La Fao ha pubblicato una serie di linee guida e suggerimenti per provare a raggiungere quello che sarebbe l’obiettivo della kermesse: la fame zero. I consigli riguardano il quotidiano di ciascuna persona. Ad esempio: “Se hai degli avanzi, congelali per consumarli in un secondo momento, oppure usali come ingrediente per un altro pasto“. Così come quando si mangia al ristorante sarebbe opportuno portare a casa gli avanzi per non sprecare nulla. La coltivazione e diversificazione dei raccolti, poi, dovrebbero essere due punti cruciali, secondo la Fao, per affrontare una popolazione mondiale in crescita, che si prevede possa raggiungere i 9 miliardi nel 2050. L’Organizzazione della Nazioni Unite ricorda, inoltre, che “il cibo sano può essere cucinato in modo rapido e semplice, utilizzando solo pochi ingredienti” ed esorta i cittadini a seguire le ricette sostenibili di chef e blogger per imparare nuove ricette o a consultare gli agricoltori locali “per sapere come cucina a casa i suoi prodotti”.

Rispondi