Prima Pagina>Ambiente>In 35 anni addio al 30% degli orsi polari 
Ambiente

In 35 anni addio al 30% degli orsi polari 

In 35 anni addio al 30% degli orsi polari

(Foto Brigitte Thieme/Wwf)

Il cambiamento climatico aumenta il rischio di estinzione per le specie, e tra le più minacciate c’è l’orso polare. Oggi la popolazione di orsi polari è stimata tra i 22.000 e 31.000 individui, il 60% dei quali si trovano in Canada. Alcuni studi, basandosi sul trend di fusione dei ghiacci polari e sulla drammatica scomparsa dell’habitat idoneo e delle sue risorse, stimano che entro i prossimi 35 anni rischiamo di perdere il 30% della popolazione di orso polare esistente. Alla specie è dedicato il 27 febbraio, Giornata Mondiale dell’orso polare.

Il periodo più importante per l’alimentazione degli orsi polari è la stagione estiva, quando devono mangiare grandi quantità di grasso di foca, accumulando le riserve per i mesi più freddi e difficili. Ma il riscaldamento del pianeta sta portando alla riduzione dei ghiacci marini estivi, riducendo l’habitat di caccia della specie. Se il riscaldamento del pianeta continuerà a questa velocità, già nel 2040 per l’orso polare potrebbe non esserci più ghiaccio marino estivo. Insomma, le banchise polari si stanno assottigliando e gli orsi non riescono più a cacciare foche per nutrirsi.

La scomparsa dell’habitat e la possibilità di trovare cibo, portano questo predatore ad avvicinarsi ai centri abitati dall’uomo, mettendo a rischio la sua vita e la sicurezza delle comunità. In Russia, alcuni giorni fa, circa cinquanta orsi polari hanno invaso la città di Belushya Guba, nell’arcipelago di Novaya Zemlya (regione Artica), costringendo le autorità locali a dichiarare lo stato di emergenza.

Il cambiamento climatico, quindi, non aumenta solo il rischio di estinzione per le specie, ma anche i possibili conflitti tra fauna selvatica e uomo. Nel 2007 sono stati registrati nove conflitti fra orso e uomini in Groenlandia, mentre tra agosto e dicembre 2017 ce ne sono stati 21 solo a Ittoqqortoormiit. Questo si ripete anche in Alaska, Canada, Norvegia e Russia. Per questo, dal 2006, sono al lavoro le “pattuglie a tutela dell’orso polare”, squadre che in Alaska, Canada, Groenlandia e Russia cercano di limitare i danni, tutelando l’orso polare.

La Giornata Mondiale dell’orso polare, che si celebra il 27 febbraio di ogni anno, è per il Wwf anche l’occasione di raccontare e valorizzare il lavoro di queste squadre che aiutano orsi polari ed esseri umani a vivere in spazi sempre più vicini, garantendo la sicurezza e la sopravvivenza di entrambi. La prima “pattuglia a tutela dell’orso polare” è stata inviata nel 2006 a Chukotka, in Russia nord-orientale, dove si occupava di allontanare gli animali che creavano problemi, senza però sparare per fermarli. Da allora e ancora oggi, quando la pattuglia incontra un orso vicino a una comunità, cerca per prima cosa di allontanarlo con il rumore, che sia di spari a vuoto.

In Groenlandia il Wwf sta lavorando per rendere i villaggi abitati meno attraenti per gli orsi, attirati soprattutto dal cibo. Nella discarica di Ittoqqortoormiit sono stati attivati sensori termici e a infrarossi che rilevano la presenza di diverse specie e inviano avvisi al cellulare di uno dei membri della pattuglia. La conoscenza sull’ecologia degli orsi polari, però, è ancora insufficiente e servono ulteriori informazioni sulle popolazioni, i loro movimenti e sulla loro dieta e saranno i progressi tecnologici a giocare un ruolo chiave ( ad esempio le indagini genetiche condotte a partire dalle orme lasciate dagli orsi sulla neve, insieme con il loro Dna. A questo, poi, si aggiunge la comunicazione alle popolazioni locali sui corretti comportamenti da tenere in aree frequentate dall’orso bianco.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *