Prima Pagina>Ambiente>Mobilità: Bari premia chi pedala, rimborsi fino a 20 centesimi al km  
Ambiente

Mobilità: Bari premia chi pedala, rimborsi fino a 20 centesimi al km  

Bari premia chi pedala, rimborsi fino a 20 centesimi al km

Premi e incentivi per chi si muove in bicicletta in città, con rimborsi fino a 20 centesimi per ogni chilometro percorso. Succede a Bari, dove l’amministrazione ha scelto di adottare, nell’ambito del progetto Muvt, il sistema messo a punto da

Advertisements
Pin Bike, la start up pugliese che ha brevettato un device hardware antifrode che, installato sulla propria bicicletta, permette di certificare gli spostamenti in bicicletta nelle tratte generiche e in quelle casa-scuola e casa-lavoro, comunicando con un’apposita app per smartphone.

Advertisements

I rimborsi forniti dal Comune ai cittadini che pedalano potranno essere spesi nelle attività commerciali della città, incentivando così anche il commercio locale. I ‘buoni mobilità’ guadagnati dagli utenti che si spostano sulla propria bicicletta, vengono riscattati tramite codici da spendere nei negozi. Un sistema che è già realtà in altri Paesi europei, come Francia e Belgio, mentre l’Olanda è pronta ad attivare un rimborso di 19 centesimi a chilometro, riscattabile come detrazione fiscale.

In Italia, il nuovo bando del ministero dell’Ambiente (“PrIMUS”), con scadenza fissata al 6 giugno, prevede un programma di incentivazione alla mobilità sostenibile che cofinanzierà per il 75% a fondo perduto, in città con oltre 50mila abitanti, progetti per bici e piste ciclabili, sharing mobility, car-pooling e iniziative di mobility management. I Comuni possono partecipare con Pin Bike.

A poco più di un anno dalla sua nascita, Pin Bike si è già aggiudicata diversi premi e riconoscimenti, tra i quali la vittoria di StartCup Puglia 2018, il Premio PA Sostenibile 2018 e il recente premio di Legambiente come buona pratica progettuale d’impresa nella tappa barese del Treno Verde 2019. Oltre Bari, il sistema ha già catturato l’attenzione di diversi comuni, tra cui Andria e Bisceglie, pronti a partire già nei prossimi mesi, e hanno manifestato interesse anche Roma, Torino, Cremona, Fabriano, Monza, Messina, Pescara.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.

Rispondi