Prima Pagina>Ambiente>Palermo: a Ballarò un teatro all’aperto da una discarica abusiva  
Ambiente

Palermo: a Ballarò un teatro all’aperto da una discarica abusiva  

IN PUBBLICO<!– IN PUBBLICO –>


A Ballarò un teatro all’aperto da una discarica abusiva

Un’immagine del progetto Ballarart, vincitore per il quartiere Ballarò

Ballarò è il mercato permanente più antico della città di Palermo, e si trova in zona Albergheria. La chiesa presente, crollata sessant’anni fa e da allora utilizzata come discarica abusiva, sarà al centro di un’opera di recupero. Il progetto si chiama Ballarart e intende trasformare un’area degradata in uno spazio multifunzionale dedicato alle iniziative culturali del quartiere, dal cinema all’aperto, alle esibizioni teatrali, ai concerti.

“); } else { document.write(“”); }

Il progetto, insieme a ‘Cucina Solidale’ per Danisinni, è tra i vincitori del voto indetto dal Comune di Palermo e Airbnb per chiedere come destinare parte dei proventi dell’imposta di soggiorno raccolta dal Portale. Nei mesi scorsi la popolazione è stata coinvolta in laboratori di quartiere in cui sono state condivise varie idee per il rinnovamento di alcune aree urbane; successivamente le migliori proposte sono state messe ai voti e sono stati così selezionati i due vincitori, rispettivamente Ballarart per Ballarò e Cucina Solidale per Danisinni.








La collaborazione tra Airbnb e il Comune per la raccolta digitale dell’imposta di soggiorno è iniziata nell’aprile 2018 e ha consentito la raccolta e il riversamento automatico dell’imposta per oltre 500mila euro. Palermo è stata una delle prime città d’Italia a stipulare una convenzione con il portale; oggi sono oltre 15 le municipalità dove Airbnb si fa carico dell’adempimento per conto degli host.

Il regolamento comunale di Palermo prevede che il 10% di quanto raccolto possa restare agli operatori del settore; Airbnb ha scelto di non trattenere questa quota e di sostenere un percorso per far decidere direttamente ai palermitani dove e come utilizzare queste risorse per il futuro della città.

“); } else { document.write(“”); }

Rispondi