Prima Pagina>Ambiente>Parchi più belli d’Italia, ecco i vincitori del concorso che premia i gioielli verdi della Penisola
Ambiente Cultura

Parchi più belli d’Italia, ecco i vincitori del concorso che premia i gioielli verdi della Penisola

Villa Revedin Bolasco di Castelfranco Veneto (TV) e Villa Torrigiani di Carmigliano (LU) sono stati premiati rispettivamente come il più bel parco pubblico e privato d’Italia nel 2018

Gli spazi verdi più belli d’Italia si trovano a Castelfranco Veneto, nel trevigiano, e a Carmigliano, provincia di Lucca. Sono Villa Revedin Bolasco e Villa Torrigiani, nominati rispettivamente il più bel parco pubblico e privato tra gli oltre mille in concorso per “Il Parco più Bello d’Italia 2018”, XVI edizione del premio dedicato a parchi e giardini della Penisola, organizzato con il patrocinio dei ministeri dei Beni e delle Attività Culturali, del Turismo, dell’Ambiente e dell’Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale Unesco. Due luoghi di inestimabile bellezza, che abbinano il fascino della natura nelle sue forme più romantiche, alla sontuosità di architetture perfettamente armonizzate con il verde circostante.

Proprietà dell’Università di Padova, che lo ricevette sotto forma di donazione nel 1967 da Renata Mazza Bolasco, Villa Revedin Bolasco a Castelfranco Veneto (foto Maurizio Sartoretto) è stata oggetto negli ultimi anni di un importante lavoro di restauro, che ha restituito vita al “paradiso”, così come era definito nel Cinquecento il complesso, all’epoca proprietà della famiglia Cornaro, una delle famiglie patrizie più ricche e influenti della Repubblica di Venezia. Il parco della Villa è composto di un giardino di 8,5 ettari, popolato da circa 1.500 alberi. Al suo interno trova spazio anche un lago navigabile con una superficie di circa 2,5 ettari. Uno degli elementi architettonici più singolari del parco è la Cavallerizza, dovuta al francese Marc Guignon, dominata da due enormi cavalli su alti piedistalli, un tempo sistemati sullo ‘stradon’: la scenografica arena prativa allinea lungo il perimetro una parte delle sculture del giardino settecentesco, qui riposizionate.

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *