Nel  caos di questo particolare momento storico c’è bisogno di chiarezza e competenza per aiutare il Paese a risollevarsi ed i cittadini a sentirsi al sicuro.
 
Siamo un’azienda italiana che produce dispositivi per il trattamento ecologico di aria ed acqua da oltre 60 anni e siamo pronti a mettere a disposizione di tutti la competenza del nostro team di scienziati (biologi, chimici, ingegneri e medici) ed il nostro know-how aziendale.
 
Per questo abbiamo deciso di rispondere ad alcuni dubbi che spesso ci vengono posti  
 
1) Vi sono prove scientifiche che provano che l’Ozono sia efficace contro il  SARS-CoV-2⁉️
 
Sappiamo che una teoria scientifica, per essere pienamente accettata, richiede da un lato di NON ESSERE SMENTITA nei suoi punti fondamentali e dall’altro richiede di essere almeno in qualche misura CONFERMATA E VERIFICATA.
 
– L’Ozono possiede una spiccata attività ossidante grazie alla sua instabilità. Questa è una CERTEZZA scientifica.
 
– Tutti i virus della famiglia dei Coronavirus, compreso il SARS-CoV-2, hanno una struttura con regioni ricche di Cisteina, comprese le proteine Spike e quelle dell’involucro E ed M. Anche questa è una CERTEZZA scientifica.
 
– L’Ozono è caratterizzato da 3 atomi di Ossigeno e questo gli consente di reagire con quelle regioni ricche di Cisteina del famigerato SARS-CoV-2, ossidandole e pertanto impedendo al virus di penetrare e, quindi, infettare le cellule. Anche questa è una CERTEZZA scientifica.
 
– Affermare che NON vi sono prove che l’Ozono sia efficace sul SARS-CoV-2 è notizia falsa e tendenziosa mirata a diffondere esclusivamente un dubbio infondato.
Difatti le differenze tra il SARS-CoV-2 ed i suoi predecessori consiste solo in queste caratteristiche:
 
– Il tasso di mortalità (o letalità);
– Il tasso di diffusione;
– Il periodo di incubazione.
 
Tutti i Coronavirus data la loro struttura risultano particolarmente sensibili all’azione della luce solare (raggi UV), degli antiossidanti, dei solventi lipidici e dei comuni detergenti, e vengono inattivati alla temperatura di 45°C, dopo circa novanta minuti. TUTTI‼️
 
Bibliografia Essenziale
 
Shi, J., Wen, Z., Zhong, G., Yang, H., Wang, C., Huang, B., … & Zhao, Y. (2020). Susceptibility of ferrets, cats, dogs, and other domesticated animals to SARS–coronavirus 2. Science.
 
Decaro, N., Martella, V., Saif, L., & Buonavoglia C. (2020). COVID-19 from veterinary medicine and one health perspectives: What animal coronaviruses have taught us. Research in Veterinary Science.
 
Lin, L., Lu, L., Cao, W., & Li, T. (2020). Hypothesis for potential pathogenesis of SARS-CoV-2 infection——a review of immune changes in patients with viral pneumonia. Emerging Microbes & Infections, 9(1), 727-732.
 
Jaimes, J. A., Millet, J. K., Stout, A. E., André, N. M., & Whittaker, G. R. (2020). A Tale of Two Viruses: The Distinct Spike Glycoproteins of Feline Coronaviruses. Viruses, 12(1), 83.
 
Tilocca, B., Soggiu, A., Musella, V., Britti, D., Sanguinetti, M., Urbani, A., & Roncada, P. (2020). Molecular basis of COVID-19 relationships in different species: a one health perspective. Microbes and Infection.
 
Guarner, J. (2020). Three emerging coronaviruses in two decades: the story of SARS, MERS, and now COVID-19. American Journal of Clinical Pathology, 153, 420-421.
 
Luan, J., Lu, Y., Jin, X., & Zhang, L. (2020). Spike protein recognition of mammalian ACE2 predicts the host range and an optimized ACE2 for SARS-CoV-2 infection. Biochemical and Biophysical Research Communications.
 
Li, R., Qiao, S., & Zhang, G. (2020). Analysis of angiotensin-converting enzyme 2 (ACE2) from different species sheds some light on cross-species receptor usage of a novel coronavirus 2019-nCoV. Journal of Infection, 80(4), 469-496.
 
Direzione Scientifica HEXATREE biotechnologies