E fanno tappa nella valle del Vanoi, tra le più incontaminate, dove dall’1 al 3 giugno si terrà “Verso l’alpeggio” . Escursioni, degustazioni, esibizioni di cani da pastore

Nell’anno della candidatura della transumanza a bene immateriale dell’umanità Unesco, la valle del Vanoi, una delle più incontaminate di tutto il Trentino, organizza dal 1 al 3 giugno “Verso L’Alpeggio”, un evento che attraverso escursioni, degustazioni, mostre e dimostrazioni pratiche di tosatura fa riscoprire a grandi e bambini la transumanza, un rito antichissimo sopravvissuto alla frenesia dei tempi moderni. 

Tutto è pronto per il gran finale di domenica, quando lungo le vie del centro sfileranno più di 2.500 pecore, il doppio rispetto all’edizione precedente.   Con lui c’è il cane pastore, figura fondamentale per la transumanza, a cui l’edizione 2018 di “Verso L’Alpeggio” dedicherà la mostra dal titolo “Una storia antica, l’amico del pastore”.

Verso l'alpeggioL’inaugurazione della mostra, prevista per venerdì sera nella Casa dell’Ecomuseo di Canal San Bovo, darà ufficialmente inizio alla tre giorni di festa, che proseguirà poi sabato con una facile escursione all’aria aperta, sulle tracce dei pastori erranti. 

Sabato sera ci sarà l’occasione di assaggiare i prodotti delle Valli di Primiero e Vanoi e di assistere ad un incontro dedicato al tema della lana a cui prenderà parte anche il Parco Paneveggio Pale di San Martino, che negli ultimi anni ha avviato un progetto di valorizzazione della lana autoctona. A conclusione della serata verrà proiettato il film naturalistico “Suoni vaganti in Trentino“, per scoprire esperienze autentiche e racconti di viaggio, narrati in prima persona dagli stessi pastori.  

Il lungo weekend di festa si concluderà domenica, quando Canal San Bovo si animerà con musica, intrattenimento, mercatini artigianali, laboratori e molto altro. Esperti tosini neozelandesi daranno spettacolo con dimostrazioni pratiche di tosatura e sarà possibile osservare da vicino il prezioso lavoro dei cani da pastore. 

Il momento più atteso sarà sicuramente quello del passaggio delle greggi: un lungo fiume bianco di pecore invaderà le viuzze del centro storico, accompagnato dall’inconfondibile sottofondo dei campanelli. Si ripeterà così, ancora una volta, l’affascinante rito della transumanza, un viaggio iniziato dal mare, che si concluderà tra i verdi pascoli incastonati tra le Dolomiti e il Lagorai.

Ulteriori informazioni: www.sanmartino.com

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *