Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! Nella mente ha origine la sofferenza; nella mente ha origine la cessazione della sofferenza.Gautama Buddha

Dichiarazione shock di un veterinario: i padroni lasciano morire da soli i propri animali

La maggior parte delle persone, se si tratta di sopprimere il proprio animale, non ce la fa ad assistere. Ma è proprio in quel momento che i nostri amici a 4 zampe alzano la testa e ci cercano. Noi siamo la loro famiglia.
occhi

Quando si decide di condividere la propria vita con un animale, si vivono emozioni bellissime, ma bisogna anche mettere in conto il momento più difficile: quando il proprio amico a quattro zampe ci lascia e sale sul “ponte dell’arcobaleno”. Un dolore che diventa ancora più profondo se siamo noi a dover decidere di porre fine alle sue sofferenze, portandolo dal veterinario. E chi è passato da quel percorso sa bene che cosa vuol dire. In queste ore sui social network si è tornato a parlare di questo tema dopo che un utente, Jessi Dietrich, ha recentemente chiesto al suo veterinario quale fosse la parte più difficile del suo lavoro, e la risposta pubblicata su Twitter è diventata subito virale con migliaia di “mi piace”, “commenti” e “retweet”.  

«Ho chiesto al mio veterinario quale fosse la parte più difficile del suo lavoro - scrive Jessi Dietrich su Twitter - e ha detto che quando deve sottoporre a eutanasia un animale, il 90 per cento dei proprietari non vuole essere nella stanza quando inietta il liquido mortale, così l’animale trascorre gli ultimi momenti della sua vita guardandosi freneticamente intorno alla ricerca dei suoi proprietari e questo racconto mi ha distrutta». 

d

Immediati i tantissimi commenti di proprietari di animali che hanno condiviso come hanno vissuto quei momenti così difficili, ma anche quelli di veterinari che hanno rimarcato il pensiero di quel veterinario. Il Hillcrest Veterinary Hospital ha condiviso su Facebook il post di un veterinario che incoraggia le persone a non abbandonare i loro animali domestici proprio nel momento in cui hanno più bisogno di quell’amore in cui tanto hanno creduto. 

«Quando sei proprietario di un animale, è inevitabile che, nel maggior parte dei casi, il tuo amico morirà prima di te. Così quando devi portare il tuo animale dal veterinario per dargli una fine meno dolorosa e più “umana”, voglio che tu faccia qualcosa.  

Tu sei stato al centro di tutto il suo mondo per LA LORO INTERA VITA!!!! Loro possono essere stati parte della tua ma l’unica cosa che loro sanno è che sei la loro famiglia. [...] Per favore, vi prego NON LI LASCIATE SOLI. Non fateli passare dalla vita alla morte in una stanza con degli estranei, in un luogo che non amano. 

La cosa che VOI DOVETE sapere è ciò che la maggior parte della gente non sa: LORO TI CERCANO.QUANDO LI LASCIATE LI’. Loro guardano ogni faccia nella stanza alla ricerca di quella della persona amata. Non essere codardo perché è pensi che sia troppo duro per te, immagina che cosa loro provano quando li lasci da soli nel loro momento più vulnerabile e la gente come me [il veterinario n.d.r.] cercando di fare del loro meglio per tranquillizzarli, cercando di rendere quel momento meno spaventoso e cercare di spiegargli perché tu non sei lì». 

f

Chi scrive questo articolo ha vissuto quell’esperienza il 4 settembre del 2010. Non dimenticherò mai le lacrime versate quando era sul divano e vedevo Lella sofferente con il peso dei suoi 18 anni e con il dolore della malattia. Attorno a lei c’ero io, i miei genitori e mio fratello che aveva preso un permesso di lavoro per venirla a salutare. È stato difficile prendere la sua coperta preferita, quella blu, avvolgerla, prenderla in braccio e portarla dal veterinario. Una persona squisita. Una persona a cui avevo chiesto un paio di mesi prima che cosa avrei dovuto fare e lui mi disse che avrei capito quando sarebbe stato il momento di porre fine alle sue sofferenze. E quel giorno era giunto. L’ho portata in ambulatorio. Lella era agitata. Non amava quegli odori, ma non aveva paura di quel dottore che l’ha sempre trattata con molta dolcezza. Ho aperto la copertina. Lei non poteva più stare in piedi e i suoi occhi erano quasi completamente senza vista. Ma lei sapeva che io ero lì, e con me c’era anche mia madre. Il medico l’ha accarezzata a lungo, sin quando lei si è coricata. Il suo respiro era calmo. Ho sempre tenuto la sua zampetta nella mia mano.  

A quel punto il veterinario, come la maggior parte fanno, le ha fatto una anestesia perché fosse sedata prima dell’iniezione definita. Non dimenticherò mai che cosa è successo negli istanti successivi: Lella ha alzato la testa, mi ha guardato con quegli occhioni marroni ormai quasi totalmente azzurri per la cecità. È stato il suo ultimo dolce saluto. In pochi istanti ho sentito il suo corpo diventare perdere il calore della vita. L’ho riavvolta nella sua copertina blu e ho stretto a me il suo corpo privo di vita. È stato un dolore fortissimo, ma sarebbe stato ancora peggiore se in quel momento Lella fosse rimasta da sola. Sono sicuro che è volata sul ponte serena dopo essersi addormentata con la mia immagine, per quanto sfocata, il suono della mia voce e il calore della mia mano. Non lasciateli soli. Glielo dovete. 

 

(Stampa)