Prima Pagina>Animali>Greta parla a nome di una generazione, ora ognuno deve agire per il clima
Animali

Greta parla a nome di una generazione, ora ognuno deve agire per il clima

“La crisi climatica che stiamo vivendo è la più semplice e la più difficile. La più semplice perché sappiamo bene cosa fare: dobbiamo tagliare drasticamente le emissioni di CO2, la più difficile perché la nostra economia è ancora oggi troppo dipendente dai combustibili fossili che distruggono il clima e gli ecosistemi. L’unica cosa di cui abbiamo bisogno è un futuro e chi governa deve trovare una soluzione, perché non c’è più tempo e non ci sono più scuse per non fermare il cambiamento climatico”. Queste parole di Greta Thumberg, intervenuta oggi al seminario ‘Clima, il tempo cambia, È tempo di cambiare’, nella Sala Koch di Palazzo Madama, sono una chiamata all’azione, lanciato non a nome di un partito o di una organizzazione, ma di un’intera generazione che chiede a chi ha potere decisionale di agire per evitare gli scenari più catastrofici provocati dal cambiamento climatico.

“Greta è il simbolo di una mobilitazione giovanile che sta crescendo sempre più e un richiamo alla necessità di ‘spegnere l’incendio’ della nostra casa, ormai in atto. Il futuro reclamato da Greta e dai tantissimi giovani che domani parteciperanno alla manifestazione in piazza del Popolo a Roma, organizzata dal movimento Fridays for Future, è nelle mani di chi governa e delle scelte che ognuno fa nel quotidiano”, ha dichiarato la presidente del WWF Italia Donatella Bianchi che ha partecipato al seminario con Greta Thumberg di questa mattina al Senato.

“Il WWF si aspetta che il governo assuma immediatamente i provvedimenti necessari a rendere concreto e spedito il processo di decarbonizzazione dell’Italia, per aiutare a realizzare quanto previsto dall’accordo di Parigi sul clima e avere l’autorevolezza per assumere azioni diplomatiche per rilanciare a livello internazionale la mobilitazione globale sulle politiche climatiche”, continua Donatella Bianchi che aggiunge: “Ci auguriamo, inoltre, che non solo chi governa, ma anche chi ricopre ruoli determinanti nel mondo dell’industria, dell’economia dell’informazione e della cultura abbia recepito il messaggio di Greta e abbia compreso che per contrastare i cambiamenti climatici in atto non si possono più fare piccoli e irrilevanti passi, ma che servono azioni immediate, profonde e radicali”.

Dal 18 aprile sulla facciata della sede nazionale del WWF in via Po Sul palazzo in via è stato affisso uno striscione con una immagine della Terra e la frase “Siamo con chi vuole salvare il mondo”: un modo per esprimere il pieno sostegno de WWF alla mobilitazione per il clima e a tutti i ragazzi che in Italia e nel mondo vi stanno prendendo parte, ma anche agli “adulti” che raccoglieranno l’appello dei giovani.

Domani, venerdì 19 aprile, attraverso la community di giovani attivisti del WWF YOUng, il WWF parteciperà alla manifestazione dei Fridays for Future a cui sarà presente anche Greta Thunberg, per chiedere alle classi dirigenti di affrontare il problema dei cambiamenti climatici

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *