Prima Pagina>Animali>Hydro, il lupo che girava a Otranto, ora vive (sereno) nel centro di Monte Adone
Animali

Hydro, il lupo che girava a Otranto, ora vive (sereno) nel centro di Monte Adone

Hydro, il lupo che girava a Otranto, ora vive (sereno) nel centro di Monte Adone
Courtesy of Monte Adone

Era stato catturato nella notte tra il 14 e il 15 luglio, a pochi giorni dall’aggressione a una donna che stava facendo jogging. Poi la decisione di portarlo al centro Tutela e Ricerca Fauna Esotica e Selvatica di Monte Adone , nel bolognese. Ora il lupo che si aggirava a Otranto ed era stato visto giocare con i bagnanti sulla spiaggia ha una nuova casa e un nome: Hydro. Avevamo già raccontato la storia di questo giovane lupo, avvistato più volte nei pressi della pineta di un villaggio turistico a Otranto, in Puglia. L’animale mostrava segni di confidenza nei confronti dell’uomo, tanto che era stato filmato mentre si divertiva con un telo sulla spiaggia o si avvicinava per il cibo. Un comportamento che aveva già fatto ipotizzare ad alcuni esperti del Wwf che il lupo avesse vissuto a stretto contatto con l’uomo per buona parte della sua vita, forse addirittura dalla nascita. In un video si nota infatti il segno di un collare o di una catena sul collo dell’animale.

Advertisements

Leggi anche

L’eccessiva e innaturale confidenza era poi sbocciata in episodi di aggressione, prima ai danni di una bambina che era stata strattonata per il vestito a fine giugno, e poi nei confronti di una donna che correva nella pineta, soccorsa da alcuni operatori sanitari. Da lì la decisione di Regione Puglia, carabinieri forestali, Ispra e ministero dell’Ambiente di catturarlo, sia per tutelare per prevenire altre situazioni di rischio.

‘); }

A catturare il lupo i tecnici del Parco nazionale della Majella, che hanno pensato anche al trasferimento al centro di Monte Adone. Nel parco in provincia di Bologna è presente infatti una zona interamente dedicata ai lupi, uno spazio verde lontano dal pubblico. Dopo un iniziale (e prevedibile) momento di adattamento, Hydro ha potuto vedere gli altri lupi che vivono nello spazio e interagire con loro, attraverso la rete. Come riporta una nota del centro di Monte Adone, il lupo ha mostrato curiosità nei confronti dei suoi simili, soprattutto verso una femmina di cinque anni, Alberta. Sta migliorando nei rapporti con gli altri lupi del centro: d’altronde l’obiettivo del parco è quello di permettere agli animali selvatici di riscoprire la loro natura.

9 agosto 2020 (modifica il 9 agosto 2020 | 14:54)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte Corriere.it

Rispondi