Prima Pagina>Animali>Il comitato per il WWF di Pistoia e Prato dice No ai Pesticidi
Animali

Il comitato per il WWF di Pistoia e Prato dice No ai Pesticidi

<!–

–>

Notizie pubblicate su 14 January 2019

Siamo alla frutta_ Toscana_documentario

Siamo alla frutta_ Toscana_documentario

© WWF Italia

Anche il Comune di Prato, dopo quelli di Carmignano e Vernio, sta predisponendo una specifica ordinanza per bloccare l’impiego del Glifosato, uno dei più pericolosi diserbanti usati in agricoltura, lo stesso che l’IARC (l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro) ha inserito fra i “probabili cancerogeni per l’uomo”, e che diverse nazioni l’hanno già messo al bando.
 
Il WWF si sta battendo da anni per metterlo fuori legge a livello europeo, con diverse petizioni, firmate da migliaia di cittadini e sigle varie, che si sono unite a questa battaglia. 
Ma già a livello locale si può fare qualcosa e le iniziative dei 3 comuni del pratese non possono che essere accolte con favore e sollievo, considerando la direzione purtroppo contraria intrapresa dalla Regione Toscana che, con una delibera di fine Luglio, ne consente invece l’utilizzo, insieme ad altri prodotti fitosanitari, anche nelle aree di salvaguardia dei bacini di prelievo di acqua per uso idropotabile. E’ evidente che sul territorio vi sono, per fortuna, amministrazioni più lungimiranti e più vicine alla salute dei cittadini e dell’ambiente.
Per sensibilizzare l’opinione pubblica, e non solo, il 7 Dicembre il WWF ha presenziato alla proiezione del documentario “Pesticidi siamo alla frutta”, il terzo documentario del regista- giornalista Andrea Tomasi.
Il documentario è un racconto di viaggio dal Trentino delle mele, dove sono stati analizzati le urine e il sangue di un gruppo di abitanti della Val di Non, fino ad arrivare a Roma dove i Medici per l’Ambiente hanno trovato la presenza di fitofarmaci in un campione di donne in stato di gravidanza.
 
Grazie alle testimonianze di oncologi, pediatri, nutrizionisti, apicoltori, agricoltori biologici e di agricoltura intensiva Andrea Tomasi porta a galla la realtà dei fatti.
E’ una narrazione, quella di questo documentario, portata avanti insieme all’attrice Velia Lalli, il meteorologo e divulgatore scientifico Luca Mercalli e dalla partecipazione dell’attore-regista e scrittore Marco Paolini.
 
Ci chiediamo a questo punto quando anche il Comune di Pistoia potrà seguire l’esempio di Prato, di Carmignano e di Vernio. Non solo perché a Pistoia e dintorni è grande la presenza di industrie e coltivazioni vivaistiche ma anche perché, come ci dice la stessa ARPAT con l’ultima pubblicazione del mese di marzo 2018, “i valori della media annua dei Pesticidi Totali nei corsi d’acqua di questa zona sono risultati molto alti, oltre 30 volte il limite per il Fosso Quadrelli, 20 volte per la Brana. Il maggior contributo è dovuto a Glifosate e AMPA, oltre a vari erbicidi come Oxadiazon, Oxifluorfen e Pendimethalin.”
Impedire l’utilizzo del Glifosate sarebbe un gesto di grande civiltà, in attesa che vi siano definitivi divieti sul fronte legislativo.

Rispondi