Prima Pagina>Animali>Russia: bracconieri con oltre 5 tonnellate di cercasse di renna
Animali

Russia: bracconieri con oltre 5 tonnellate di cercasse di renna

Notizie pubblicate su 12 February 2019

Il carico di carcasse trovato in un convoglio di camion nella zona del villaggio di Olenek, in Russia.

© WWF Russia

Una carovana di camion è stata intercettata mentre si stava spostando dal villaggio di Khatanga verso il distretto di Olenek e al loro interno c’era un carico di bracconaggio con corna e carcasse di renne selvatiche procurate illegalmente nella regione di Krasnoyars, per un peso totale di quasi sei tonnellate.
 
A fermare il convoglio è stata l’unità speciale “West”, creata dalla direzione di Bioresources e dal Ministero dell’Ambiente della Yakutia (una vastissima repubblica della Russia, situata in Siberia orientale) grazie al supporto del WWF Russia, nella zona del villaggio di Olenek. Durante l’ispezione sono state prelevate 27 carcasse di cervo procurate illegalmente, oltre a corna congelate in sacchi: un carico non autorizzato paria a 5.795 kg.
 

“La renna selvatica è la base della vita di molte popolazioni indigene del nord”, spiega il coordinatore del Programma Artico del WWF nell’ecoregione di Taimyr, Sergey Verkhovets. “Il suo barbaro sterminio minaccia l’esistenza della popolazione e quindi la vita delle persone che da questa risorsa dipendono completamente. Grazie all’aiuto dei nostri sostenitori, nell’estate del 2018 siamo stati in grado di istituire postazioni di ispezione sui fiumi, dove passano questi animali, il che ha permesso di eliminare i casi di bracconaggio di massa. Un’altra forma di supporto era lo scambio di informazioni e il supporto di incursioni a lungo termine da parte del servizio di controllo delle foreste statali. E siamo lieti che i nostri sforzi non siano sprecati”.
 
Dopo l’ispezione, la Federazione russa ha aperto un fascicolo ai sensi dell’articolo 258 del codice penale. I documenti sono stati trasferiti alle forze dell’ordine della regione di Olenek per ulteriori indagini e trasferimento dei casi al territorio di Krasnoyarsk.
“Sono fiducioso che queste e molte altre misure di protezione ambientale ci consentiranno di preservare una popolazione unica di renne selvatiche nel Taimyr e di fornire sostegno ai residenti del nord che guidano un modo di vita tradizionale”, ha concluso l’esperto.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *