Prima Pagina>Animali>Wasao, il cane capostazione che sta facendo impazzire il Giappone
Animali

Wasao, il cane capostazione che sta facendo impazzire il Giappone

Scendere dal treno ed essere accolti dal capostazione scodinzolante: c’è qualcosa di meglio? I passeggeri che arriveranno alla fermata ferroviaria di Ajigasawa saranno gli unici al mondo a beneficiare di un simile benvenuto

Famoso quasi quanto Hachiko: Wasao in Giappone ha interpretato se stesso in un film e nel 2001 è stato nominato ambasciatore speciale Unesco per le attività legate ai luoghi Patrimonio dell’Umanità in Giappone

Wasao cane capostazione

Un Akita ex randagio, abbandonato da piccolo, prima viene adottato, poi diventa attore in un film strappalacrime di cinque anni fa in cui interpreta se stesso e adesso viene nominato capostazione della sua città.

Wasao ha 11 anni, una compagna e una figlia. Viene da una storia di randagismo, finché una commerciante di Ajigasawa di 71 anni lo ha adottato. Per gli abitanti della città è diventato la mascotte dal muso simpaticissimo e quel leggero strabismo che invita al sorriso.

Ed è proprio il suo sguardo bizzarro ad aver conquistato tutto il Giappone:  lo chiamano busa-kawaii ossia bruttino-carino in giapponese. Wasao è diventato famoso dopo che una cliente del negozio della donna che lo aveva adottato ha pubblicato le sue foto sui social e persino in TV, tanto che nel 2001, a Tokyo, è stato nominato ambasciatore speciale Unesco per le attivita legate ai luoghi Patrimonio dell’Umanità in Giappone.

Wasao col cappellino da capostazioneIn realtà è proprio da quell’anno che Wasao svolge il suo ruolo di capostazione, ma solo ora è arrivata la conferma ufficiale, con tanto di cerimonia d’investitura nella piazza della stazione:  la lettera d’incarico è stata consegnata il 1° aprile scorso, assieme al berretto da indossare durante il servizio.

Subito dopo la nomina Wasao è entrato in servizio, dando il benvenuto ad alcuni passeggeri e posando con loro per il tradizionale selfie.

La compagna di Wasao, Tsubaki, di 5 anni, lo affiancherà nel ruolo di vicecapo della stazione turistica, e la loro figlia, Chome, di 22, è stata nominata per la prima volta come apprendista capo.

Il primo a parlare di Wasao è stato un travel blogger nel 2008, poi sono arrivati il film, la partecipazione a numerosi show televisivi e le copertine di innumerevoli riviste, tanto che ad Ajigasawa, nella trattoria della donna che l’ha salvato, sono esposte le memorabilia del “celebrity dog”.

Non è la prima volta che in Giappone un quattrozampe ricopre un simile incarico: nel 2007 la città di Kinokawa ha scelto come capostazione il micio Tama, ed è grazie alla sua popolarità che il felino ha salvato la stazione della città dal fallimento.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *