Prima Pagina>Arte>Orazio è salvo: il Ritrovamento di Mosè resta alla National Gallery
Arte

Orazio è salvo: il Ritrovamento di Mosè resta alla National Gallery

Orazio Gentileschi, Il ritrovamento di Mosè, 1630, 301 x 257 cm, Collezione privata | Courtesy National Gallery

Mondo – La National Gallery ce l’ha fatta: Il ritrovamento di Mosè entra nelle sue collezioni grazie a un sorprendente sforzo collettivo. Da più di 20 anni in prestito da una importante collezione privata, il gioiello dipinto a Londra da Orazio Gentileschi rischiava ora di essere trasferito fuori dal Regno Unito. Per evitarlo il museo di Trafalgar Square ha lanciato un appello alla generosità di visitatori e art lovers sotto l’hashtag #Save Orazio. Dei 22 milioni necessari a riscattare l’opera (diventati 19 grazie all’accordo raggiunto con l’intermediazione di Sotheby’s e Pym’s Gallery), circa 17 sono arrivati da fondazioni private e fondi pubblici, inclusi quelli a disposizione della stessa National Gallery. Gli ultimi due milioni sono stati messi insieme in poco più di un mese grazie ai contributi di singoli donatori che hanno appoggiato la causa con somme cospicue o anche con pochi pound.

Considerato “un dipinto di eccezionale rilevanza per il patrimonio nazionale”, Il ritrovamento di Mosè è testimone dei quasi 13 anni trascorsi dal Gentileschi Oltremanica presso la corte del re Carlo I. In questo periodo l’anziano pittore si impegnò nella decorazione di alcune delle residenze reali producendo quadri da cavalletto e magnifici soffitti dipinti. L’opera appena acquistata è una delle più ambiziose e riuscite. Fu commissionata a Gentileschi nel 1630 dalla regina Henrietta Maria per celebrare la nascita del futuro Carlo II e destinato alla Queen’s House di Greenwich.
Oggi è l’unica opera del suo autore a essere conservata in una collezione pubblica britannica e per la National Gallery la sua acquisizione era una priorità già dal 1995. Un obiettivo diventato ancora più strategico negli ultimi anni con la consacrazione definitiva di Artemisia Gentileschi, della quale il museo inglese ha acquistato recentemente l’Autoritratto come Santa Caterina d’Alessandria.
I dipinti di padre e figlia Gentileschi sono ora tra i “punti focali” della Galleria del Barocco italiano, insieme a capolavori di Caravaggio e Guido Reni. Qui Il ritrovamento di Mosè spicca per bellezza ed efficacia narrativa, ma soprattutto per le vibrazioni luminose e i colori sontuosi distesi su una tela di dimensioni monumentali (257×301 cm) che ricordano le grandi rappresentazioni storiche di Tiziano e Paolo Veronese.

Leggi anche: • Tiziano e Artemisia Gentileschi nel 2020 della National Gallery
La National Gallery lancia una colletta per salvare il Mosé di Orazio Gentileschi
La National Gallery acquista un raro autoritratto di Artemisia Gentileschi

Fonte

Rispondi