Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! Non gettare sugli altri la tua responsabilità; è questo che ti mantiene infelice. Assumiti la piena responsabilità. Ricorda sempre: io sono responsabile della mia vita. Nessun altro è responsabile; pertanto, se sono infelice, devo scrutare nella mia consapevolezza: qualcosa in me non va, ecco perché creo infelicità tutt’intorno a me – OshoOsho

E' morto Ronald Lee Armey, il sergente Hartman di "Full Metal Jacket"

di Redazione Spettacoli
Aveva combattuto in Vietnam ed era diventato addestratore di soldati. In questo era talmente bravo e convincente da essere ingaggiato anche come attore. Si è spento a 74 anni, Ronald Lee Armey, il Sergente Hartman di "Full Metal Jacket"
Per il ruolo di Hartman, Ermey aveva ottenuto la candidatura ai Golden Globe
Nella vita era stato addestratore dei Marines e veterano del Vietnam

Il ruolo che lo ha reso più famoso è sicuramente quello del terribile e inflessibile Sergente Hartman in Full Metal Jacket, il film di Stanley Kubrick del 1987; il suo discorso ai soldati all’inizio del film (quel suo chiamarli “luridissimi vermi”, e affibbiargli soprannomi bizzarri) rappresenta una scena memorabile che ha ricevuto tanti tentativi di imitazione e parodie. In un fine settimana già funestato dalla scomparsa del cineasta ceco Milos Forman e del regista italiano Vittorio Taviani, è morto a Santa Monica anche Ronald Lee Ermey; a causare il decesso, a settantaquattro anni, sono state le complicazioni di una polmonite.

La conferma è arrivata dal suo manager Bill Rogin, che sul suo profilo Facebook ha scritto:

Mancherà tantissimo a tutti noi. E' una perdita terribile per cui nessuno era preparato. E’ stato importantissimo per molte persone ed è estremamente difficile quantificare davvero tutte le cose fantastiche che quest'uomo altruista ha fatto per i nostri uomini e donne in uniforme. Ha anche contribuito al cinema con ruoli indimenticabili che vivranno per sempre. Il Sergente Hartman di Full Metal Jacket era un uomo duro e di principi. Il vero R. Lee Ermey era un uomo di famiglia , un'anima dolce e gentile. Era generoso con tutti quelli che lo circondavano e si prendeva cura specialmente delle persone in difficoltà”.

Per il ruolo del Sergente Hartman, Ermey guadagnò una candidatura ai Golden Globe; e pensare che Kubrick inizialmente lo aveva assunto solo per preparare gli attori, ma rimase così colpito dalla sua presenza scenica e dal suo talento, da fargli effettivamente interpretare quella parte. Già, perché Ermey era stato davvero un addestratore dei Marines, ed era un veterano del Vietnam. Anche in Apocaypse Now del 1979 era stato ingaggiato dal regista Francis Ford Coppola come consulente, ed era poi apparso in scena nel ruolo di pilota di elicotteri.

Tra le altre parti interpretate, ricordiamo quella di istruttore dei marines in Dimensione Inferno (1983) e poi Seven (il film di David Fincher del 1995), Sospesi nel tempo (nel 1996), il remake di Non aprite quella porta (2003). Molti i piccoli ruoli anche in diverse serie tv, il doppiaggio del Sergente di Toy Story e di numerosi altri personaggi animati.