Anche Las Vegas celebra Gangemi ed i suoi “Fratelli”!

Premio “BEST TV PILOT”

Dopo Tokyo, Nanjing, Toronto, Houston, Malta, Green Bay, Sezze, Boden, Los Angeles, New York, Londra, Milano, Praga, Apopka, Mumbai, Napoli, Aosta, Hollywood, Kosice, Monaco di Baviera e Seoul, anche Las Vegas ha voluto celebrare Daniele Gangemi, ideatore, sceneggiatore e regista della puntata pilota della serie dal titolo “Fratelli Noir”, diventata in pochi mesi un cult internazionale, conferendogli il premio “BEST TV PILOT” alla 17ª edizione del celebre “Action on Film MegaFest Film Festival and Writers’ Competition 2021”.

L’opera di Gangemi, prodotta con coraggio e determinazione da Isabella Arnaud ed Andrea Salomon per la casa di produzione italiana CINEDANCE, con la collaborazione della Catania Film Commission e del Comune di Catania, ed interpretata con estremo rigore ed aderenza ai personaggi da Renny Zapato e François Turrisi (le due nuove stelle del cinema italiano scoperte per l’occasione dal pluripremiato regista siciliano e lanciati subito, e con l’approvazione unanime di pubblico e critica, nel panorama cinematografico internazionale), conferma così per l’ennesima volta di poter competere con le migliori produzioni mondiali, uscendone spesso addirittura vincitore.

Con quest’ultimo infatti, a meno di dieci mesi dal lancio ufficiale, salgono a 30 i riconoscimenti ufficiali portati a casa dalla puntata pilota della serie “Fratelli Noir” da tutte le parti del mondo, dopo essere stato ufficialmente selezionato in concorso ad oggi da ben 70 prestigiosi festival cinematografici sparsi in tutto il mondo.

È un cammino decisamente da record quello di Gangemi e della sua preziosa creatura, che non stupisce però gli addetti ai lavori, che ricordano bene infatti come già all’esordio, con la sua opera prima dal titolo “Una notte blu cobalto” (con Alessandro Haber, Corrado Fortuna, Regina Orioli, Valentina Carnelutti e Vincenzo Crivello come strepitosi interpreti e Giuliano Sangiorgi dei Negramaro come compositore di una colonna sonora intensa e struggente), fosse torno a casa dalla 42° “WorldFest-Houston International Film Festival” (il più antico festival indipendente di cinema al mondo, che negli anni ha scoperto maestri come Steven Spielberg, George Lucas, Ang Lee, Ridley Scott, Robert Rodriguez, i Fratelli Coen, Spike Lee, Oliver Stone e David Lynch, assegnandogli il loro primo riconoscimento cinematografico) con il riconoscimento più ambito per un esordiente: quello per la “Migliore Opera Prima”.

Un successo che Daniele Gangemi vuole dedicare a tutta la troupe che ha lavorato alla realizzazione di questa piccola opera d’arte “Made in Italy”, nessuno escluso, tanto da insistere, in questo come in altri articoli in precedenza, affinché fossero nominati tutti i preziosi elementi del cast artistico e tecnico, che ha visto nello specifico Alessandro La Fauci come d.o.p. e colorist, Luca Carrera come montatore, Salvo Bruno Dub come compositore, Bruno Ventura come sound designer e mixatore , Caterina Maria Grillo come fonico di presa diretta e coordinatrice di produzione, Arsinoe Delacroix come organizzatrice, Andrea Salomon come scenografa, Anna Scordio come arredatrice, Debora Privitera come costumista, Antonella Muzzetta come truccatrice, Salvatore Di Bella come acconciatore, Fabio Fagone come realizzatore della sigla iniziale e Lorenzo Scandurra che ha realizzato la locandina ufficiale, è come attori invece, oltre ai già citati Renny Zapato e Francoise Turrisi, Egle Doria, Myriam Rapisardi, Ketty D’Agosta, Francesca Agate, Santi Sergio Falsone, Plinio Milazzo ed il protagonista di puntata Aldo Toscano.

E adesso, dopo tanti premi e tanto successo in giro per il mondo, non resta che sperare che anche i distributori italiani decidano di attenzionare questo gioiellino nostrano permettendo ai “Fratellli Noir” di Gangemi di avere il seguito che merita e che tutti ormai attendono con gioia ed entusiasmo.

Exit mobile version