(ANSA) – TORINO, 29 NOV – E’ forse la sua vignetta più famosa. Risale al 1994, quando vinse Berlusconi. Uno dice ‘Poteva andare peggio’. L’altro risponde secco ‘No’. Altan l’ha rivista. E’ diventata: ‘Poteva andare peggio. Sì’. Il grande disegnatore ne parla a Torino, dove viene presentato al Tff in anteprima nella sezione Festa Mobile il docufilm ‘Mi chiamo Altan e faccio vignette’ di Stefano Consiglio.

Il suo legame con il Festival è storico perché c’è il Premio Cipputi che da 25 anni è uno dei riconoscimenti più rappresentativi. Nel film, che ritrae la sfera privata di Altan, poco propenso a raccontarsi pubblicamente, grandi attori, come Stefania Sandrelli, Angela Finocchiaro e Paolo Rossi, interpretano i protagonisti delle vignette. “Cipputi non c’è. E’ talmente vero che rifarlo sarebbe stata una diminuzione”, spiega il regista. Sulla satira Altan non è pessimista: “In questo momento c’è molto umorismo involontario da parte di chi dovrebbe essere oggetto di satira. Se la sua funzione è creare dubbi c’è ancora spazio”. (ANSA).
   

Rispondi