Prima Pagina>Cronaca>Boicotta Benetton: l’appello del Centro Formazione e Ricerca Don Lorenzo Milani di Bologna
Cronaca

Boicotta Benetton: l’appello del Centro Formazione e Ricerca Don Lorenzo Milani di Bologna

Il Centro Formazione e Ricerca intitolato al sacerdote di Barbiana che introdusse rivoluzionari metodi educativi nella scuola e nella vita lancia un appello che condividiamo in tutto e per tutto

Non è vero che l’ideologia non esiste più. Esiste eccome, e il disastro di Genova lo dimostra perfettamente.

Da 20 anni un privato – cioè la famiglia Benetton – incassa montagne di miliardi lucrando su di un bene comune – come sono le autostrade pagate con i soldi dei cittadini italiani – anche a discapito della manutenzione e sviluppo della rete autostradale.

PAGARE IL PEDAGGIO AI BENETTON PER MORIRE

Questo è stato possibile grazie all’appoggio attivo e complice di partiti politici  che indipendentemente dalla diversa estrazione – destra sinistra-  sono stati guidati nelle scelte dalla ideologia sempre più imperante cioè quella dell’interesse personale, del raggiro, della furbata, dei FAVORI AGLI AMICI DEGLI AMICI.

E questi infami per evitare che qualcuno potesse metterci i naso hanno messo il segreto di stato su buona parte dei contratti: cioè le parti piu impresentabili, inaccettabili, indegne.

Come Cittadini  Italiani , don Milani direbbe Cittadini Sovrani,

siamo nauseati da quanto sta emergendo in seguito alla Strage Annunciata di Genova,

siamo stanchi di essere munti e di essere presi per il culo da politici corrotti indifferenti complici di gruppi di affaristi senza scrupoli.

Il senso di impotenza è grande, ma possiamo colpire gli interessi dei capitalisti senza scrupoli boicottandone le attività.

Perciò:

il Centro Formazione e Ricerca Don Lorenzo Milani e Scuola di Barbiana, sede di Bologna

propone il boicottaggio delle proprietà Benetton

a cominciare dalle autostrade e dai negozi

 

Invitiamo associazioni , simpatizzanti, amici, ad aderire al boicottaggio, a darne diffusione, a promuoverne la realizzazione, ognuno come ritiene più opportuno.

L’essenziale è non rimanere indifferenti inermi impotenti.

Rispondi