Prima Pagina>Cronaca>Durigon: «Lo stallo sulla legislazione del Terzo settore? Responsabilità amministrativa, non scelta politica»
Cronaca

Durigon: «Lo stallo sulla legislazione del Terzo settore? Responsabilità amministrativa, non scelta politica»

«I ritardi in effetti ci sono, ma non vanno addebitati a una supposta volontà politica di tirare il freno a mano. Le ragioni sono prettamente amministrative e vanno addebitate a un’amministrazione oggettivamente lenta e fragile». Così il sottosegretario al Welfare con delega al Terzo settore Claudio Durigon, replica alla richiesta di vita.it di conoscere le ragioni dell’impantanamento dei provvedimenti sulla riforma del 5 per mille (lo si attende da almeno la primavera dello scorso anno) e sul dossier da inviare a Bruxelles per ottenere il via libera dalla commissione sulle norme fiscali contenute nella riforma del Terzo settore relative in particolare ai decreti sull’impresa sociale e sul registro del Terzo settore, che il mondo del non profit attende dalla fine dello scorso anno, ovvero dall’approvazione del decreto fiscale. Da allora sono trascorsi oltre sette mesi. «Tanti, troppi, è vero. Ma da parte mia l’input politico è stato dato, ora siamo nelle mani dell’amministrazioni, in particolare quella dell’Agenzia delle Entrate e del Ministero dell’Economia», ribadisce Durigon. Palla dunque a Tria.

Ma intanto facciamo il punto più nel dettaglio.

AUTORIZZAZIONE UE
Il fascicolo è nelle mani di un tavolo tecnico congiunto fra ministero del Welfare, ministero dell’Economia e Agenzia delle Entrate. Come detto i lavori sono in corso. A quanto si apprende il ministero del Welfare ha concluso l’istruttoria riferita all’impresa sociale, ma deve ancora concludere quella del Codice del Terzo settore. L’invio della richiesta di autorizzazione alla Ue è in capo a via Fornovo, ma è necessario il disco verde dei tecnici dell’Economia che si esprimeranno non prima dell’autunno. Nel frattempo è stato ultimata la domanda di proroga del regime forfetario per le attività commerciali svolte dalle associazioni di promozione sociale e dalle organizzazioni di volontariato. Un testo non ancora pubblico che però può costituire la base metodologica si cui costruire i ricorsi “fiscali” a per impresa sociale e codice del Terzo settore. Quando verrà dunque inviato il dossier a Bruxelles? Nella migliore delle ipotesi in autunno. Più verosimilmente entro l’anno. Poi comunque ci vorranno mesi per avere il feedback dalla Commissione.

5 PER MILLE
A giugno il ministero del Welfare ha apportato le ultime modifiche. Per la direzione generale Terzo settore guidata da Alessandro Lombardi il lavoro di fatto è concluso. Come sappiamo si tratta di in decreto della presidenza del consiglio dei ministri che va licenziato su proposta del ministero dell’Economia. Per ora su quel versante tutto tace. Tempi previsti: secondo alcuni rumors il testo dovrebbe essere varato entro il mese di ottobre.Quanto al caso del ritorno del tetto e alla necessaria copertura i tecnici di via Fornovo stanno concludendo un’analisi di stima delle risorse necessarie. Ma la partita si gioca nella legge di Bilancio 2020.

ALTRI AGGIORNAMENTI
Il regolamento sulle cosiddette attività diverse licenziato dalla Cabina di regia è all’esame del Consiglio di Stato, mentre le linee guida sul bilancio sociale sono ormai pronte e dopo il vaglio della Corte dei Conti diverranno operative con il prossimo anno. I primi bilanci sociali secondo la nuova normativa sanno quindi redatti nel 2021. A seguire si dovrebbero definire le linee guida sulla valutazione d’impatto. Infine il registro unico del Terzo settore. Secondo le previsioni del ministero del Welfare per odv e aps sarà operativo da marzo 2020. Ci vorrà invece più tempo per le altre forme giuridiche di Ets.

Fonte

 

 

https://blogcq24.net/

Il Network dei Blogger indipendenti seguici su Telegram

Rispondi