Prima Pagina>Cronaca>Giochi da ragazzi: ci mancava soltanto la pistola fai-da-te che si stampa in 3D
Cronaca Tecnologia

Giochi da ragazzi: ci mancava soltanto la pistola fai-da-te che si stampa in 3D

Il progetto sarà disponibile dal 1° agosto sul web. La pistola è realizzata in plastica ABS (quella dei mattoncini Lego), a parte il percussore e un altro pezzo in metallo che la rendono identificabile dai sistemi di sicurezza con metal detector

Dal primo agosto, sarà disponibile su Internet il progetto per la realizzazione di una pistola con una comune stampante 3D. Lo prevede l’accordo raggiunto fra gli attivisti per il diritto ad armarsi e il governo americano rivelato dalla CNN sul proprio sito. L’intesa chiude una disputa iniziata diversi anni fa, quando Cody Wilson, che si descrive come un anarchico post-sinistra, pubblicò i piani per una pistola a stampa 3-D che nel 2013 aveva chiamato “The Liberator”.
   La pistola a colpo singolo è realizzata quasi interamente in plastica ABS – lo stesso materiale con cui sono fatti i mattoncini Lego – che possono essere usati in una stampante 3D. Le uniche parti metalliche sono il percussore e un pezzo di metallo incluso per conformarsi alla legge sulle armi da fuoco, altrimenti la pistola sarebbe completamente inosservabile dai sistemi di sicurezza basati sul metal detector.
   Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti aveva imposto a Wilson e al suo gruppo non profit Defense Distributed di chiudere i piani sostenendo che potrebbero violare i regolamenti internazionali sul traffico di armi (ITAR), che regolano l’esportazione di materiali, servizi e dati tecnici di difesa.

In sostanza, i funzionari governativi hanno sostenuto che qualcuno in un altro paese – un paese in cui gli Stati Uniti non vendono armi – potrebbe scaricare il materiale e fare la propria pistola.
   Wilson ha obbedito, ma ha detto che i file erano già stati scaricati un milione di volte. Poi Wilson ha citato in giudizio il governo federale nel 2015. Gli Stati Uniti chiedevano al gruppo di rimuovere le istruzioni della pistola 3D dal suo sito web. L’accordo, datato 29 giugno, dice che Wilson e Defense Distributed possono pubblicare piani, file e disegni 3D in qualsiasi forma ed esentarli dalle restrizioni all’esportazione. Il governo ha inoltre accettato di pagare quasi 40.000 dollari delle spese legali di Wilson e di rimborsare alcune tasse di registrazione. L’accordo non è stato reso pubblico, ma gli avvocati di Wilson ne hanno fornito una copia alla CNN.
   “Abbiamo chiesto la Luna e abbiamo pensato che il governo l’avrebbe respinta, ma non volevano andare in tribunale”, ha detto Alan M. Gottlieb con la Second Amendment Foundation, che ha seguito il caso. “Il governo ci ha combattuto fino in fondo e poi all’improvviso ha ripiegato”. Gottlieb ha detto che ha intentato la causa durante l’amministrazione Obama, ma non pensa che questo spieghi il cambiamento. “Erano tutte persone in carriera con cui avevamo a che fare, non penso che ci fosse nulla di politico in proposito”, ha detto.

Avery Gardiner, il co-presidente della campagna Brady per prevenire la violenza violenta, ha detto che sarebbe stupita se l’insediamento non fosse stato approvato dagli incaricati politici. “Siamo rimasti scioccati e delusi dal fatto che l’amministrazione Trump avrebbe stretto un accordo segreto con pochissimo preavviso”, ha detto Gardiner. Ha detto di aver scoperto l’accordo su un articolo di una rivista.
   Il gruppo ha presentato una richiesta di legge sulla libertà di informazione per e-mail e altri documenti relativi all’accordo. Josh Blackman, l’avvocato di Wilson, ha detto che desiderava che l’insediamento segnalasse un cambiamento filosofico. “Avrebbero perso questo caso”, ha detto Blackman. “Se il governo ha messo in discussione questo caso e hanno perso questa decisione potrebbe essere usato per sfidare altri tipi di leggi sul controllo delle armi”.
   Le armi fai-da-te come The Liberator sono state soprannominate “Ghost Guns” perché non hanno numeri seriali e non sono rintracciabili.
   Wilson ha creato un sito Web in cui le persone potranno scaricare Liberator e file digitali per un lower receiver AR-15, una pistola Beretta M9 completa e altre armi da fuoco. Gli utenti saranno anche in grado di condividere i propri progetti per pistole, riviste e altri accessori. Secondo Wilson i file saranno una buona risorsa per i costruttori, anche se non è ancora pratico per la maggior parte delle persone stampare in 3-D la maggior parte delle armi. “E’ ancora fuori dalla loro portata, vedremo che tutto si svilupperà”, ha detto Wilson. “I piani saranno qui quando verrà quel momento”.
   Per Wilson e per i suoi sostenitori, la capacità di costruire armi non regolamentate e non rintracciabili renderà molto più difficile, se non impossibile, ai governi imporre divieti. Gardiner teme che sia più facile per i terroristi e le persone che sono troppo pericolosi per passare dei controlli di base criminali per mettere le mani sulle pistole. “Penso che tutti in America dovrebbero essere terrorizzati per questo”.

Fonte: AGI

Sotto: blocchetti per costruzioni in 3d

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *