Prima Pagina>Cronaca>Gioia Tauro, da domani riprenderà il servizio scuolabus interrotto da mesi per il mancato pagamento dell’assicurazione del mezzo
Cronaca

Gioia Tauro, da domani riprenderà il servizio scuolabus interrotto da mesi per il mancato pagamento dell’assicurazione del mezzo

“Da domani il servizio scuolabus sarà di nuovo, e finalmente aggiungo, attivo”. Con queste parole la coordinatrice di Città Futura Francesca Guerrisi ha annunciato questa sera sui social network la ripresa dal 6 febbraio dell’importante servizio che a Gioia Tauro era stato interrotto dal mese di novembre a causa dell’impossibilità da parte del Comune di pagare l’assicurazione del pulmino.

Una circostanza che ha impedito per mesi a molti bambini gioiesi appartenenti a famiglie indigenti ed a quelli che vivono in contrada Ciambra di poter frequentare regolarmente le lezioni scolastiche.

Una situazione per la quale la stessa Guerrisi ed il candidato a sindaco Aldo Alessio si erano recati diverse volte dai Commissari Prefettizi per avere delucidazioni e che aveva portato la cordinatrice di Città Futura a chiedere il supporto del Garante per l’infanzia e l’adolescenza della Regione Calabria Antonio Marziale il quale, ricordiamo, già lo scorso anno era intervenuto, sempre per lo stesso problema, facendosi carico all’epoca delle spese dell’assicurazione del mezzo di trasporto pur di permettere ai bambini di tornare a scuola.

Raggiunta telefonicamente da Corriere Quotidiano Francesca Guerrisi ha affermato di essere felice che finalmente il Comune di Gioia Tauro sia riuscito a reperire le risorse finanziarie per poter assicurare l’importante mezzo di trasporto che da domani pemretterà di far tornare molti alunni tra i banchi di scuola. La stessa ha poi sottolineato quanto sia importante che i bambini, specie quelli che provengono da famiglie in difficoltà o dalla comunità Rom ormai stanziata nella città del Porto, non siano abbandonati dalla società e quanto sia importante per loro frequentare la scuola per la loro crescita personale e per la loro integrazione.

Maria Teresa Bagalà