Tragedia questa mattina in un cantiere nautico nell’area del porto di Gioia Tauro. Un uomo di soli 42 anni, Agostino Filandro di Gioia Tauro, sposato e padre di una bambina, è morto per un incidente sul lavoro.

Come riporta lo stesso sito dell’Ansa Calabria: << L’uomo sarebbe stato colpito da un cavo che si è spezzato improvvisamente. Il fatto è accaduto durante le operazioni di alaggio di un’imbarcazione da diporto che stava per essere effettuata utilizzando una gru della “ZenMarine”, azienda che costruisce e restaura imbarcazioni all’interno della cinta doganale dello scalo.
Il cavo della gru, per cause in corso di accertamento, si sarebbe spezzato, colpendo la vittima, genero del titolare dell’azienda, che è deceduta sul colpo.
Sul posto agenti della Polizia di frontiera,personale della Capitaneria di porto, del Commissariato di Ps di Gioia Tauro, della Guardia di finanza e dei Vigili del fuoco, che stanno effettuando gli accertamenti del caso>>.

La notizia ha scosso l’intera comunità gioiese dove Filandro e la sua famiglia erano molto conosciuti e stimati.

Maria Teresa Bagalà