Prima Pagina>Cronaca>Gioia Tauro, pista ciclabile resa impraticabile dai rifiuti nella via del “Fosso Mastro”
Cronaca

Gioia Tauro, pista ciclabile resa impraticabile dai rifiuti nella via del “Fosso Mastro”

E’ diventata ormai impraticabile a Gioia Tauro parte della pista ciclabile che percorre il lungomare di Gioia Tauro e le vie limitrofe. Il percorso “protetto” riservato esclusivamente alle biciclette, che era nato nel 2013 con i fondi dei progetti Pisu durante l’amministrazione Bellofiore, in particolare nella porzione della via comunemente detta del “Fosso Mastro”, è divenuta ormai impercorribile dai velocipedi a causa dell’inciviltà di cittadini che caricano la spazzatura sulla propria autovettura e la scaricano lì illegalmente. E così l’intera strada è ormai invasa dai tanti rifiuti ingombranti e dai sacchetti lanciati dalle automobili in corsa e che giacciono sull’asfalto.

La via, infatti, nella quale fino a qualche tempo erano piantati lungo tutta la sua estensione degli oleandri, e che si trova a Sud-est della città alle porte dell’indigente quartiere Ciambra, nonostante colleghi il lungomare al centro della città, da quando la raccolta porta a porta dei rifiuti funziona a singhiozzo, è diventata una “discarica” a cielo aperto ai limiti della decenza e della salute pubblica nonostante gli operai del comune periodicamente intervengano per ripulirla.

Una situazione che ormai va avanti da anni e che sembra non ci sia modo di risolvere almeno fino a quando, secondo il parere di molti, non sarà ripristinato il servizio di videosorveglianza nella zona che permetta di riconoscere coloro che abbandonano i rifiuti nonostante gli enormi cartelli di divieto.

Maria Teresa Bagalà