Prima Pagina>Cronaca>I due consiglieri comunali africani eletti nel Brindisino per rappresentare gli immigrati
Cronaca

I due consiglieri comunali africani eletti nel Brindisino per rappresentare gli immigrati

I due consiglieri comunali africani eletti nel Brindisino per rappresentare gli immigrati

Pugliain.net

Si chiamano Mohammed Kieta e Mohammed Hadef. Il primo viene dalla Costa D’Avorio, l’altro dall’Algeria. Ventunenne e occupato in un’azienda agroalimentare Kieta; 66enne, in Italia dal 1992, sposato e con tre figli grandi, Hadef. Da qualche giorno Kieta e Hadef rappresentano la popolazione straniera extracomunitaria nel Consiglio comunale di Francavilla Fontana, uno dei centri più importanti della provincia di Brindisi.

Sono stati eletti nel “Giorno della Memoria” ed è una scelta di cui nella cittadina pugliese vanno ora  orgogliosi. Non tutti i Comuni pugliesi, infatti, hanno il rappresentante degli stranieri nell’assemblea consiliare e laddove c’è, è uno soltanto, mentre Francavilla Fontana ha una doppia rappresentanza. Per Kieta e Hadef, di religione musulmana, hanno votato anche le suore straniere della locale comunità religiosa delle Oblate di Nazareth. “Ci siamo insediati a giugno dello scorso anno – spiega Domenico Attanasi, presidente del Consiglio comunale – e abbiamo ereditato un regolamento approvato nella scorsa consiliatura ma al quale non era stata data attuazione. Allora fu fatta quella scelta, due rappresentanti stranieri, che abbiamo condiviso e deciso di portare avanti”.

“È stato così attuato il regolamento – spiega ancora Attanasi – ed effettuata l’affissione di manifesti nelle strade della città. In seguito, l’ufficio elettorale del Comune provveduto a selezionare il corpo elettorale extracomunitario maggiorenne residente a Francavilla Fontana da almeno due anni. Ci è sembrato, questo, un parametro ragionevole. È quindi venuto fuori un “corpo” elettorale di circa 140 persone, tutte stabilimente residenti a Francavilla Fontana e inserite lavorativamente nel paese.

Ha votato solo un extracomunitario su cinque

Aggiungo che Hadef è anche Imam della comunità di Latiano, centro non distante da Francavilla Fontana”. “La partecipazione al voto non è stata altissima – evidenzia il presidente del Consiglio comunale -, solo il 20 per cento della popolazione chiamata alle urne, e il più giovane è quello che ha riportato più voti”. “In generale – aggiunge Attanasi – la comunità degli stranieri ha risposto molto bene. Per esempio, diverse suore Oblate di Nazareth, straniere di religione cattolica, hanno votato i due candidati pur essendo questi di religione musulmana. Ecco, le suore hanno colto lo spirito dell’iniziativa e capito che così potevano facilitare un’integrazione culturale e multireligiosa”.

Certo, Francavilla Fontana elegge due stranieri extracomunitari in Consiglio comunale proprio nei giorni in cui imperversano le polemiche sui migranti e sulle vicende delle navi Diciotti e Sea Watch, “ma la comunità di Francavilla Fontana – evidenzia ancora il presidente dell’assemblea municipale – ha dato dimostrazione di grande maturità attorno a questa vicenda. Ci sono stati consensi ed entusiasmo. È  stata una bella pagina di vita cittadina, anche sui social la maggioranza dei commenti è stata positiva. A Francavilla Fontana gli extracomunitari sono complessivamente circa 300. Si tratta di una quota stabile e nel tempo non ci sono stati problemi di integrazione. Anzi, Francavilla Fontana ha un atteggiamento di apertura e di propensione all’accoglienza”.

I due nuovi consiglieri possono partecipare alla sedute del Consiglio, prendere la parola su tutti gli argomenti in discussione, formulare proposte, ma, al contrario degli altri consiglieri, non percepiranno l’indennità di carica, nè diritto di voto, nè determineranno a contribuire il numero legale dell’assemblea, composta da 24 consiglieri più il sindaco.

Un regolamento dimenticato

E per il primo cittadino Antonello Denuzzo, “il regolamento risale al 2016 e proviene dalla vecchia amministrazione alla quale ha fatto seguito un periodo di commissariamento.  Il regolamento era finito nel dimenticatoio, pur prevedendo la novità del doppio consigliere straniero. Abbiamo quindi dato esecuzione a questa novità in un periodo molto particolare, visto che il tema dell’immigrazione e dell’integrazione è molto controverso. Si direbbe, il nostro, un  comportamento in controtendenza – osserva il sindaco di Francavilla Fontana -, ma non è un’iniziativa estemporanea. Ci fa piacere che questi due extracomunitari abbiano ricevuto anche il voto delle suore cattoliche. Se qualcuno, al pari dello slogans “Prima gli italiani”, mi ha detto “Sindaco, prima i francavillesi”?

Non è una cosa che mi destabilizza – afferma -. Sia chiaro: non è una misura economica in favore di extracomunitari disagiati. È, invece, una misura di democrazia e di partecipazione alla vita della città. Sono persone che lavorano, sono contribuenti e sono perfettamente integrate. Abbiamo consentito che stranieri che vivono a Francavilla Fontana avessero la loro rappresentanza. Ed è fuori luogo, in questo caso, dire “prima gli italiani”, perchè qui parliamo di rappresentanza, di partecipazione, che sono pilastri della nostra Costituzione”. Kieta, il più giovane e il più suffragato tra o due eletti, afferma intanto che “è molto importante per noi stranieri poter portare nelle sedi istituzionali la nostra esperienza e le difficoltà che vivono i numerosi extracomunitari presenti a Francavilla Fontana.

I residenti del posto, con cui possiamo fare tante cose, mi hanno accolto e aiutato a sentirmi bene. So che non sono l’unico ad avere questo senso di gratitudine nei loro confronti e, come me, tanti altri ragazzi hanno trovato qui la loro nuova casa. Sono felice di poter portare la mia storia come esempio – conclude Keita –. L’integrazione passa da un atteggiamento di reciproca collaborazione”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.

One thought on “I due consiglieri comunali africani eletti nel Brindisino per rappresentare gli immigrati

  1. Bravi i consiglieri extracomunitari!! Ora, datevi da fare. Togliete le case popolari ai brindisini e dategliele ai vostri connazionali.

Rispondi