Prima Pagina>Cronaca>Il calo demografico sta svuotando le scuole italiane 
Cronaca

Il calo demografico sta svuotando le scuole italiane 

calo demografico 

AGF

Scuola, studenti 

Non solo un Paese bloccato nella crescita, con un Pil in caduta libera. Ma anche a forte denatalità. Lo si evince dai dati sulle nuove iscrizioni al prossimo anno scolastico, 2019-2020, che comincia a partire dal mese di settembre. La notizia occupa il centro della prima pagina de La Stampa, sotto un titolo allarmante: “Si svuotano le scuole. Mancano 70 mila alunni”. E facendo un po’ di calcoli, il succo è che “dal 2015 sono stati persi 188 mila alunni”.

Il motivo principale è che “il calo demografico desertifica le aule” ma ora si teme anche per l’assetto generale della scuola, a partire dagli insegnanti, che potrebbero diminuire in proporzione e per i quali si chiedono garanzie al governo. Tanto più che proprio domani sera alle ore 19 nella sede del Miur è previsto un incontro tra il ministro dell’istruzione Bussetti e i sindacati, che si troveranno dinanzi un quadro tutt’altro che incoraggiante. Proprio quando si invoca maggiore istruzione e qualificazione scolastica per le giovani generazioni messe dinanzi alla dura prova delle sfide future.

Le tabelle sulle iscrizioni parlano chiaro: “Al prossimo anno si sono iscritti 69.256 studentesse e studenti in meno, un calo dello 0,9% che assume dimensioni diverse se si considera l’andamento degli ultimi tre anni, in diminuzione costante e crescente. Oltre 45mila in meno nel 2016/17 rispetto all’anno precedente. Altri 67.754 in meno nell’anno successivo e 75.215 quest’anno scolastico rispetto al precedente. In totale si sono persi 188.583 alunne e alunni nei quattro anni scolastici a partire dal 2015/16, con un calo del 2,4%”. Una decrescita preoccupante, che però il ministro Bussetti sembra minimizzare in quanto “è il frutto del normale andamento demografico che risente dei periodi di crisi economica e poi si riflette sulla popolazione scolastica. Alla luce di questo, stiamo valutando di aprire un dialogo per rivedere i parametri sulle autonomie scolastiche in maniera più tarata sul territorio”.

Se andiamo a vedere i dati regionali, il calo è più evidente al Sud e un po’ minore al Nord. Con una regione virtuosa, l’Emilia Romagna “che a settembre porterà 1.484 alunne e alunni in più nelle aule” e un fanalino di coda rappresentato dalla Basilicata “dove da settembre entreranno nelle aule 1742 studentesse e studenti in meno, un calo del 2,23%”. I dati regionali sono ancora più consistenti e deprimenti, con un indice di “desertificazione scolastica” impressionante, specie al Sud. “Il calo degli iscritti al prossimo anno è un indice di sconfitta per tutti e, in particolare, per un governo che sostiene di voler aiutare le famiglie” chiosa il quotidiano.

I dati della decrescita nelle iscrizioni scolastiche, potrebbe avere degli effetti negativi anche sulla popolazione insegnante. E il ministro dovrà valutare attentamente i dati “per decidere l’organico del prossimo anno, che i rappresentanti dei lavoratori temono di vedere ridimensionato”. Un tema, dunque, di enorme impatto sociale per l’Italia. “Incontreremo il ministro e speriamo che il governo colga l’occasione per mantenere il finanziamento allo stesso livello di quest’anno in modo da permettere alla scuola di rifinanziarsi e agli insegnanti di mantenere il livello di retribuzione. Siamo all’ultimo posto nel livello dei salari tra i Paesi Ue e il governo ha il coraggio di proporci l’autonomia differenziata, che non è altro che un modo per realizzare ulteriori risparmi” dichiara a La Stampa Pino Turi, segretario generale Uil Scuola.

E se nel calo della popolazione scolastica, “prevedibile e previsto”, “a soffrirne sono dapprima la scuola dell’infanzia e la primaria, poi le secondarie e in una prospettiva più lunga anche l’università” sulle stesse colonne Andrea Gavosto, direttore della Fondazione Agnelli, scrive che “sarebbe miope concentrarsi solo sugli effetti scolastici del declino demografico; lo scambio tra quantità (dei giovani) e qualità (della loro istruzione) è sostenibile solo entro certi limiti: con le aule vuote, che senso ha continuare a investire nella scuola?” si chiede. Soluzione? “I paesi europei che sono riusciti a mantenere a livelli soddisfacenti i loro trend demografici – scrive Gavosto – lo hanno fatto con un mix di tre leve: politiche fiscali più amichevoli nei confronti delle famiglie con figli; servizi per l’infanzia accessibili e di qualità; politiche dell’immigrazione più o meno selettive, attente ad attrarre e a coltivare le giovani generazioni istruite. In Italia le tre leve sono bloccate: in particolare, sulle politiche migratorie si sta andando in direzione opposta, privilegiando scelte muscolari di chiusura, senza comprendere che i giovani immigrati possono essere una risorsa fondamentale per lo sviluppo del Paese”. Come nel Monopoli bisognerebbe ripartire dal “via”.

Nell’incontro di domani al Miur i sindacati chiederanno garanzie per gli insegnanti e per l’intero sistema. In caso contrario, è “già proclamato lo sciopero generale il 17 maggio, dieci giorni prima delle elezioni europee” anno il quotidiano torinese.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.

Rispondi