Prima Pagina>Ambiente>Inquinamento: diesel Euro 4 fuorilegge solo a Padova, le altre città venete non la seguono
Ambiente Cronaca

Inquinamento: diesel Euro 4 fuorilegge solo a Padova, le altre città venete non la seguono

D’accordo sulla necessità di proteggere la cittadinanza dalle famigerate polveri sottili Pm10, ma siamo sicuri che queste misure non discriminino coloro che, usando l’auto per necessità, non possono permettersi auto nuove di zecca?

E poi, qual è la reale differenza tra emissioni Euro 4 ed Euro 5, anche alla luce delle tante frodi delle case automobilistiche che taroccano i dati sui loro dispositivi anti-inquinamento?

Da Agi

E’ l’unica città del Nord ad aver reso concreta la linea dura: Padova, con i suoi 102 giorni di sforamento dei limiti di Pm10, ha bloccato da ieri anche i diesel Euro 4 ma, voltandosi dietro, si accorge che nessuno la segue. Lo scrive in apertura il Corriere del Veneto. L’accordo “padano” sottoscritto da Regioni e ministero ha spinto dal primo ottobre i capoluoghi a deliberare restrizioni al traffico armonizzate.

padova

 

Ma molti dei Comuni interessati (i capoluoghi veneti più gli altri centri sopra i 30 mila abitanti) hanno recepito le direttive in ritardo, Rovigo addirittura ha innestato la marcia indietro. Padova, invece, ha obbedito alla regola relativa agli sforamenti consecutivi dal Pm10. Le auto private diesel pre-2011 sono bloccate e ieri i centralini del Comune sono stati subissati di proteste. A Rovigo il sindaco Massimo Bergamin ha ritirato l’ordinanza “perché scritta male” e mai più riformulata nonostante la diffida di Legambiente, mentre Belluno l’ha emessa ma non è obbligata a rispettarla dato che non ha superato i 35 giorni all’anno di sforamento dei limiti di Pm10 consentiti dalla legge.

euro 5

 
  E le altre Regioni padane? La Lombardia è verde (nessuno sforamento), come il Piemonte e Trento, mentre l’Emilia Romagna ha deciso di bloccare gli euro 4 diesel non ovunque come annunciato ma solo nelle città con semaforo arancione: ora sono Piacenza, Parma e Reggio Emilia. 
   Tornando al Veneto, nel 2017 ha accumulato 3994,2 tonnellate di Pm10, col record di Vicenza, che ne ha registrate 902,4. Seguono Treviso (835,9), Venezia (823,1), Padova (643,3), Verona (612,4), Belluno (112,5) e Rovigo (64,6). Quanto agli sforamenti, in cima alla classifica si trova Padova con 102 giorni fuorilegge, al secondo posto Mestre con 94 e al terzo Vicenza con 90.

Rispondi