Prima Pagina>Cronaca>La soluzione alla Pandemia Covid – 19 che i Governi, pare, condividono con le “Organizzazioni Deputate”, sembra essere quella del “Vaccino”.
Cronaca

La soluzione alla Pandemia Covid – 19 che i Governi, pare, condividono con le “Organizzazioni Deputate”, sembra essere quella del “Vaccino”.

https://avvocatosaveriolauretta.it/

Pensiamo, veramente, che la soluzione “sic et simpliciter” a tutto questo potrà essere, così come proposta,  solo quella del “Vaccino contro il Covid – 19” che poi potrà diventare Covid – 20, poi 21 , poi 22 e cosi via come avviene per gli antivirus nei computer che con una frequenza cadenzata si debbono aggiornare rispetto alle versioni che successivamente vengono introdotte nel mercato ?

Ovviamente non entro affatto nel merito di questa possibile scelta per la soluzione ,però capisco che, per come si è globalmente diffusa questa Pandemia, è probabile che il mercato per questo vaccino, che qualcuno dovrà pagare,  potrebbe essere

Advertisements
pari a quello corrispondente a tutta la popolazione mondiale e per questo, addirittura, anche “gli sceicchi” vogliono investire nel business dei farmaci vaccini ….

Advertisements

Se così è si può, forse, immaginare, il valore stratosferico di questo “business” ancor più se si fa riferimento e si considerano i contenuti dei programmi pluriennali di certe organizzazioni.

Lettera aperta dell’Avv. Lauretta Saverio alle Istituzioni con invito alla lettura e all’azione

Di di seguito il testo integrale.

                                           _______________________________________

Al Sig. Presidente della Repubblica Italiana
Al Sig. Capo del Governo Italiano
A tutti i Sigg.ri Senatori ed Onorevoli del Parlamento Italiano
Al Sig. Presidente della Corte Costituzionale
Al Sig. Presidente della Corte di Cassazione
Al Sig. Procuratore Generale Militare presso la Corte Suprema di Cassazione
Al Sig. Procuratore Nazionale Antimafia della Repubblica
Ai Sigg.ri Giudici e Pubblici Ministeri della Repubblica Italiana
Al Sig. Capo della Polizia
Al Sig. Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri
Al Sig. Comandate Generale della Guardia di Finanza

Nonché

Al Sig. Segretario Generale delle Nazioni Unite
Al Sig. Presidente del Consiglio della Comunità Europea
Al Sig. Commissario Europeo per l’Economia
A tutti i Deputati del Parlamento Europeo

                                                                                         ******

Conosciamo come “Criminale” quella forma particolare di condotta umana che si manifesta ed esprime mediante attività illecite che violano regole e leggi per il raggiungimento di un profitto economico prefissato.

E’, ad esempio, “Criminale” la condotta di:

• chi s’impossessa della cosa mobile altrui, sottraendola a chi la detiene, al fine di trarne profitto per sé o per altri (reato di furto art. 624 Codice penale);
• chi, per procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto, mediante violenza alla persona o minaccia, s’impossessa della cosa mobile altrui, sottraendola a chi la detiene….. (reato di rapina art. 628 Codice Penale);
• chi, mediante violenza o minaccia, costringendo taluno a fare o ad omettere qualche cosa, procura a sé o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno …….(reato di estorsione art. 629 Codice Penale);
• chi promuove, costituisce, dirige, organizza o finanzia” il gruppo associativo dedito ad arricchirsi col commercio di droga;
• chi, per l’esercizio delle sue funzioni o dei suoi poteri (Pubblico Ufficiale), indebitamente riceve, per sé o per un terzo, denaro o altra utilità, o ne accetta la promessa, …… (reato di corruzione art. 318 Codice Penale);
• chi, abusando della sua qualità o dei suoi poteri (Pubblico Ufficiale o Incaricato di Pubblico Servizio), costringe taluno a dare o a promettere indebitamente, a lui o ad un terzo, denaro od altra utilità …..(reato di concussione art. 317 Codice Penale);
• e così via proseguendo ……….

Quando l’attività criminale vede la partecipazione di più persone in gruppi, più o meno articolati, che si prefiggono il raggiungimento di profitti economici mediante attività illecite che violano regole e leggi si parla, allora di “Criminalità Organizzata” che indica le attività criminose di particolari tipi di organizzazioni, definite organizzazioni criminali, non costituite in maniera fortuita per la commissione estemporanea di reati, ma organizzate in maniera relativamente stabile con uno schema gerarchico e con un obiettivo comune.

Un gruppo di criminali può definirsi “Organizzazione Criminale” nel momento in cui la sua struttura è disciplinata in modo tale che si possa identificare nel gruppo una struttura verticistica di base o un modus operandi comune tra i vari membri dell’organizzazione oltre ad altre caratteristiche che possono essere secondarie come l’appartenenza etnica, religiosa o ideologica, la durata del vincolo associativo e il grado di gravità dei reati commessi.

Un tipo particolare di “Organizzazione Criminale” è certamente la “Mafia” , la “ Ndrangheta”, la “Camorra”, la “Sacra Corona Unita”, così come a livello transnazionali la “Mafia Russa”, la “Mafia Nigeriana”, la “Mafia Cecena”, la “Mafia Irlandese”, le “Triadi Cinesi”, la”Yakuza” e cosi via tante altre.

Ci sono pure una serie di “Organizzazioni Criminali”, localizzate in molte parti del mondo, che sono prive di qualsiasi specifico legame riconducibile a un background etnico o territoriale ma che operano con un metodo comune definibile come “mafioso”, come i cartelli internazionali della droga, che operano servendosi di numerose cellule sparse in diversi territori e che includono, tra le loro file, membri di diversa estrazione etnica e sociale, dal produttore iniziale al dettagliante finale.

Infine vi sono le “Organizzazioni Terroristiche” che sono, anch’esse, considerate una tipologia di “Organizzazione Criminale” con obiettivi, però, politici piuttosto che esclusivamente finanziari, per cui, alla fine, vi è sovrapposizione, ma non separazione, tra terrorismo e criminalità organizzata.

Per far fronte a tutto questo, e quindi alle attività Criminali e Terroristiche, organizzate e non, che hanno tutte in comune il raggiungimento di “PROFITTI ECONOMICI” mediante attività illecite che violano regole e leggi, abbiamo una Magistratura preparata che quotidianamente, grazie all’attività delle Forze dell’Ordine, combatte questi fenomeni.

Come?
Il Pubblico Ministero, nell’interesse di garantire la corretta interpretazione della norma, esercita l’azione penale per perseguire i responsabili di un reato, mirando alla condanna, solo se ci sono dei responsabili, dopodiché, i Giudici, nel rispetto delle garanzie di legge che afferiscono il processo, emettono la Sentenza attraverso la quale si ristabilisce la Legalità, Giustizia e Verità.

Vi è per tutto questo una classe di Magistrati e Forze dell’Ordine, tutte persone “Eroi”, assolutamente preparate ad affrontare la quotidianità delle “Condotte Criminali” che hanno, tutte, in comune il raggiungimento di “PROFITTI ECONOMICI” mediante attività illecite che violano regole e leggi.

A titolo puramente esemplificativo il fatturato stimato delle “Organizzazioni Criminali Europee”, che alcune fonti riportano, è di circa 120 miliardi di euro, quello della “Yakuza” di circa 80 Miliardi e le altre, tutte insieme, circa 20 Miliardi, per un importo complessivo, stimato, di circa 220 Miliardi all’anno.

Sempre a titolo puramente esemplificativo e non riduttivo, direttamente collegati al fenomeno della “Criminalità Organizzata”, nel 2019, nel mondo, sono stati circa 600 mila i morti per uso di sostanze stupefacenti rispetto a 270 Milioni di persone che fanno uso di sostanze stupefacenti, il che può significare che il business della droga nel mondo ha avuto un mercato, nel 2019, di 270 milioni di persone. Questi sono dati pubblicati e forniti direttamente dall’ONU.

E’ da qualche tempo che mi sono posto una domanda: “poiché vi sono attività che, per raggiungere profitti economici, fondano il loro mercato sull’intera popolazione mondiale, che è di oltre 7 miliardi di persone, siamo certi che le condotte umane di chi gestisce, e programma lo sviluppo di queste attività non celi, di fatto, condotte altrettanto “Criminali”, se non forse di più, di quelle che comunemente conosciamo, come “Organizzazioni Criminali Tradizionali?”

Mi pongo questa domanda perché i profitti economici che queste attività perseguono, essendo programmati sull’intera popolazione mondiale, sono di gran lunga maggiori rispetto a quelli realizzati dalle “Organizzazioni Criminali”,

L’esigenza di dare una risposta a questa domanda si è fatta sentire ancora di più in occasione della Pandemia Covid – 19, degli effetti sociali che ha drammaticamente – ed in modo terribile – prodotto con le morti, il distanziamento sociale e la crisi economica.

La soluzione alla Pandemia Covid – 19 che i Governi, pare, condividono di concerto con le “Organizzazioni Deputate”, sembra essere quella del “Vaccino”.

Ovviamente non entro affatto nel merito di questa possibile scelta per la soluzione però capisco che, per come si è globalmente diffusa questa Pandemia, è probabile che il mercato per questo vaccino, che qualcuno dovrà pagare, potrebbe essere pari a quello corrispondente a tutta la popolazione mondiale e per questo, addirittura, anche “gli sceicchi” vogliono investire nel business dei farmaci vaccini ….

Se così è si può, forse, immaginare, il valore stratosferico di questo “business” ancor più se si fa riferimento e si considerano i contenuti dei programmi pluriennali di certe organizzazioni che, per riportarne alcuni a titolo puramente esemplificativo e non riduttivo, titolano:

1. Obiettivo del vaccino;
2. Obiettivo Azionario;
3. Obiettivo Sostenibilità;
4. Obiettivo Mercato.

Premesso che la mia considerazione non è affatto né Pro e né No Vax ma semplicemente circoscritta a quanto accaduto con la diffusione di questa Pandemia da Covid – 19 i dati certi che da parte mia rilevo, scaturenti dalla diffusione di questo virus, sono:

 gli effetti sociali che ha drammaticamente, ed in modo terribile, prodotto con le morti;
 il distanziamento sociale;
 la crisi economica;
 il vaccino come soluzione del problema.

Quello che invece, ancora, non appare certo ed inconfutabile sono le cause che hanno scatenato questo Virus, da dove è partito, come si è diffuso ma soprattutto quale sia la sua effettiva origine.

Reputo non solo importante ma assolutamente indispensabile che si debba dare una risposta a questi interrogativi non fosse altro perché questa Pandemia ha causato, cosi come riferito da alcune fonti, in pochissimi mesi oltre 237 mila morti in tutto il mondo destinati, però, ad aumentare in modo esponenziale.

I morti da Covid – 19 corrisponderebbero a quasi la metà di quelli causati dalle droghe spacciate in tutte in mondo dalle “Organizzazioni Criminali” nel 2019.

Vi è però da dire e porre l’accento che mentre rispetto a questi morti, attribuibili alle “Organizzazioni Criminali” attraverso le attività loro di produzione, organizzazione, gestione e spaccio di sostanze stupefacenti, si procede giudizialmente con la Magistratura e le Forze dell’Ordine, impegnate su questo fronte, rispetto, invece, alle morti causate da questa Pandemia, che di per se ha procurato morti come quelli causati dalla “Criminalità Organizzata”, non mi pare che si sia aperto un fronte giudiziario di indagini, quanto meno per ricercare le cause che hanno scatenato questo Virus, da dove è partito, come si è diffuso ma soprattutto quale sia la sua effettiva origine.

Se ne ricorrono i presupposti di legge, come credo possano ravvisarsi ricorrere, ritengo auspicabile che si possa aprire questo fronte di indagine giudiziaria nell’obiettivo di verificare, quanto meno, la sussistenza di possibili ed eventuali responsabilità giuridiche a carico di possibili ed eventuali soggetti e/o organizzazioni che potrebbero aver perpetrato condotte illecite, in violazione di regole o leggi.

Tutto questo, da un lato potrebbe valere – oltre che ad assicurare i responsabili alla giustizia – a dirimere e scongiurare che in futuro eventi disastrosi di questo tipo e genere non accadano più e dall’altro a comprendere, se dovessero emergere responsabilità, quali tipo e genere di attività, protocolli ed altro ancora bisogna migliorare, integrare o eseguire ex novo, per prevenire ed evitare accadimenti di questo tipo e genere. La stessa cosa quando precipita un incidente aereo, in questo caso le indagini giudiziarie della Magistratura ed interne da parte della compagnia aerea, sono importanti, e come tali dovute, non soltanto per stabilire le eventuali possibili responsabilità giudiziarie ma anche per comprendere se vi sono stati errori umani o difetti meccanici e/o delle apparecchiature dell’aereo in modo da stabilire eventuali possibili interventi migliorativi dal punto di vista tecnico e delle procedure di volo e pilotaggio dell’aereo al fine, proprio, di prevenire altri disastri aerei dello stesso tipo e genere.

Capisco e comprendo perfettamente che attorno a questi eventi come quelli della Pandemia Covid – 19 o, ancora meglio, attorno a questo “mondo” possono , forse, ruotare interessi personali e di “potenti lobby economiche”, al di la di ogni immaginazione possibile, tuttavia sento il dovere di richiamare l’attenzione della “Magistratura” anche verso questo “mondo” affinché si avviino, per le ragioni su esposte, le possibili attività giudiziarie di indagine del caso al pari, quanto meno, rispetto a quelle rese verso la “Criminalità” anche “Organizzata”.

Sono fermamente convinto che, come quando diversi anni fa si iniziò a capire ed indagare su come erano strutturate certe “Organizzazioni Criminali”, è sappiamo bene tutti cosa è conseguentemente accaduto e cosa è emerso, potrà, anche questa volta, emergere dalle indagini giudiziarie attorno a questo “mondo” un quadro di intrecci, di soggetti e di organizzazioni, di interessi e finalità economiche, probabilmente più “allarmante e pericoloso” di quello della “Criminalità” anche “Organizzata” che oggi conosciamo.

L’Italia è Patria di una classe di Magistrati e di Forze dell’Ordine, tutti Eroi, che sono un vero è proprio fiore all’occhiello per il nostro Paese e da cui altri Stati del Mondo hanno appreso e sperimentato tanto. Magistrati preparatissimi, capaci e in prima linea sul fronte della Giustizia verso la salvaguardia delle persone e del bene comune.

Vi sono Magistrati che, per svolgere il loro compito, sono morti per mano stessa della criminalità a seguito di attentati orribili.

Ma molti sono anche i Magistrati, “sopravvissuti alle minacce di morte” e che vivono, notte e giorno, una vita blindata e sotto scorta di sicurezza continuando, in nome della Legalità, Giustizia e Verità, a svolgere il proprio ruolo e dovere fino in fondo, senza indietreggiare neppure di un millimetro, con grande sacrificio personale e delle proprie famiglie.

Auspico che la Magistratura Italiana, se già qualcuno, non lo sta facendo o pensa di iniziare a farlo, si organizzi per muoversi legittimamente a svolgere attività di indagine giudiziaria del caso attorno a questo “mondo” finalizzata a capire e comprendere, innanzitutto, le cause che hanno scatenato questo Virus, da dove è partito, come si è diffuso ma soprattutto quale sia la sua effettiva origine perché credo , e ribadisco, che potrà emergere un quadro di intrecci, di soggetti e di organizzazioni più “allarmante e pericoloso” di quello della “Criminalità” anche “Organizzata” .

Auspico, altresì, che in proseguo, su questo fronte, possa:

• nascere un “Organismo Giudiziario di Coordinamento sovranazionale” nelle sedi deputate, (tra cui, ad esempio, Commissione Europea, ONU, ecc…);
• aversi una normativa internazionale specifica di prevenzione e salvaguardia giudiziaria da questi eventi.

Reputo che dovrà farsi Giustizia su quanto accaduto e su quanto sta ancora accadendo a seguito della Pandemia Covid – 19, fatto salvo ogni diritto, perché, se emergono e sussistono responsabilità riconducibili a condotte esecutive e preordinate verso interessi personali e/o di “potenti lobby economiche” , questa si deve:

• a tutte quelle persone che, senza aver fatto nulla, sono rimaste vittime di questa Pandemia negli ospedali ed a casa – addirittura “cremati”- ;
• a tutte le persone che sono state costrette a rinunciare alla propria libertà, al proprio lavoro ed agli affetti dei propri cari;
• a tutte quelle persone che sono rimaste senza aiuto e senza soldi per mangiare e fare la spesa;
• a tutte quelle persone che non potranno più aprire le loro attività imprenditoriali;
• a tutte quelle persone che, senza aver ancora ricevuto gli aiuti dello stato sebbene decretati, sono state costrette a dare in pegno i propri effetti personali più cari e ad indebitarsi per sopravvivere,
• a tutte quelle persone che sono cadute nello sconforto piscologico e nella depressione,
• a tutte quelle persone che hanno perso la speranza del proprio futuro,
• a tutte quelle persone che dovranno affrontare il rischio prossimo di azioni giudiziarie da parte del fisco per le tasse che non potranno pagare,
• a tutte quelle persone che rimarranno al buio e senza telefono perché non potranno pagare le bollette,
• a tutte quelle persone che non si rialzeranno più,
• a tutti noi cittadini per il futuro dei nostri figli e delle generazioni che verranno
• ma anche e soprattutto agli anziani che sono stati quelli maggiormente colpiti da questi decessi (cosicché non sono più né un costo per la società e né un peso per chi li riteneva tali piuttosto che considerarli “un bene prezioso” di cui il nostro Paese si è dovuto privare).

Pensiamo, veramente, che la soluzione “sic et simpliciter” a tutto questo potrà essere, così come proposta, solo quella del “Vaccino contro il Covid – 19” che poi potrà diventare Covid – 20, poi 21 , poi 22 e cosi via come avviene per gli antivirus nei computer che con una frequenza cadenzata si debbono aggiornare rispetto alle versioni che successivamente vengono introdotte nel mercato ?

Avv. Saverio Lauretta