Prima Pagina>Cronaca>La teste chiave del processo Ruby sarebbe stata uccisa da “un mix di sostanze radioattive”
Cronaca

La teste chiave del processo Ruby sarebbe stata uccisa da “un mix di sostanze radioattive”

morte imane fadil ruby

Olivier Morin / Afp

Imane Fadil, teste chiave nel processo Ruby

All’infinita saga giudiziaria di Ruby, da 9 anni in scena fuori e dentro le aule dei tribunali, si aggiunge la morte sospetta di Imane Fadil, la teste chiave dell’accusa stroncata a 34 anni da un male ancora misterioso il primo marzo scorso, una morte, secondo fonti vicine all’inchiesta, dovuta a un “mix di sostanze radioattive che non si trovano in commercio, in quantità tale da escludere una contaminazione accidentale”.  La causa del decesso è certificata dagli esami tossicologici trasmessi dall’ospedale Humanitas in Procura il 6 marzo scorso, cinque giorni dopo la morte della donna. Fonti della Procura di Milano non confermano però l’indiscrezione.

“Mi hanno avvelenata”

A dare notizia del decesso ai giornalisti è il procuratore di Milano, Francesco Greco, che annuncia anche l’apertura di un’indagine per omicidio volontario. Un atto dovuto dal momento che la ragazza, durante il ricovero, aveva confidato a persone a lei vicine il timore di essere stata avvelenata e che una prima analisi delle cartelle cliniche descrive una “sintomatologia da avvelenamento”. Tutte le ipotesi restano però aperte, dall’ errore medico al decesso per una patologia ancora non identificata.

La voce che la modella marocchina stesse male si era diffusa dopo che, il 14 gennaio scorso, il Tribunale aveva escluso lei, Ambra Battilana e Chiara Danese, cioè le tre ragazze che si ritenevano danneggiate dal bunga – bunga, dal novero della parti civili nel processo Ruby ter, sbarrando così la strada a eventuali richieste di risarcimento, in caso di condanna, a Silvio Berlusconi. “Ha avuto un crollo nervoso”, si diceva.

Invece, dopo un violento malessere a casa di un amico, era stata ricoverata dal 29 gennaio nella clinica Humanitas di Rozzano, dapprima in terapia intensiva e poi in rianimazione, con sintomi come mal di pancia e vomito che poi si erano aggravati, fino a trasformare il suo ultimo mese di vita in “un calvario”, reso ancor più penoso dal fatto che quasi fino alla fine è rimasta “lucida e vigile”.

Al suo avvocato Paolo Sevesi, che più volte è andato a trovarla, e poi anche al fratello, Imane ha ripetuto più volte di essere stata avvelenata. “Non posso dire se mi ha fatto dei nomi”, fa muro ora il suo legale, vincolato dal segreto perchè è stato sentito come testimone dal procuratore aggiunto Tiziana Siciliana e dal pm Luca Gaglio

“Una vicenda strana”

Convocati in Procura anche i medici, il fratello e chiunque possa riferire informazioni utili in attesa che l’autopsia venga eseguita nei prossimi giorni. “Speriamo che la scienza ci risolva il problema”, confida Greco definendo “una vicenda strana” la morte di Imane. Stando a quanto spiegato dal procuratore, ai magistrati la notizia del decesso è arrivata solo da una settimana dall’avvocato Sevesi e subito è stato disposto il sequestro delle cartelle cliniche da cui emergono “anomalie” e dei campioni di sangue prelevati durante il ricovero.

Imane stava scrivendo un libro, la Procura ha acquisito le bozze anche se dalla loro lettura non sarebbe emerso nulla di rilevante. “Per ciò che succedeva ad Arcore noi ragazze che abbiamo deciso di non farci corrompere abbiamo pagato più di altre”, aveva detto in un’intervista recente Imane, ragazza fragile che, in un colloquio un anno fa col ‘Fatto Quotidiano’ aveva parlato dell’esistenza di “una setta di Satana ad Arcore”.

Testimone nel primo processo Ruby chiuso con l’assoluzione dell’ex premier, Fadil era stata parte civile nel processo a carico di Lele Mora, Emilio Fede e Nicole Minetti, ricevendo un risarcimento che ha sempre sostenuto di non avere incassato. Puntava al processo Ruby ter, quello con al centro l’accusa di corruzione per Berlusconi e agli altri 27 imputati, e spesso si era lamentata dei continui rinvii delle udienze che impedivano, a suo dire, l’accertamento della verità.

Poi, l’esclusione dalla parti civili e il ricovero. Un mistero, il suo, che si aggiunge alla scomparsa dell’avvocato Egidio Verzini, andato a morire in una clinica Svizzera il 4 dicembre scorso per una malattia incurabile, il giorno dopo avere consegnato alla stampa la sua verità sul caso Ruby. 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *