Prima Pagina>Cronaca>Lo strano caso della rapina a Lele Mora per due bottiglie di champagne
Cronaca

Lo strano caso della rapina a Lele Mora per due bottiglie di champagne

lele mora champagne rapinato

 (Afp)

 Lele Mora

L’ex agente dei vip, Lele Mora, è stato rapinato in un campo rom a Milano, dove si trovava per comprare dello champagne. La notizia viene riportata dal Corriere della Sera, che spiega come il fatto sia avvenuto a fine maggio nel quartiere Chiesa Rossa. Mora aveva proposto l’affare a un pluripregiudicato di sua conoscenza, già condannato per associazione per delinquere, bancarotta fraudolenta, truffa ed altro.

Quest’ultimo recupera il denaro e Mora si presenta all’appuntamento assieme a un altro pluripregiudicato per rapina, porto d’armi, ricettazione e spaccio con 40 mila euro in tasca. Denaro che serviva a comprare delle bottiglie di champagne di alta qualità. Mora, però, racconta nell’ambito dell’inchiesta che una volta arrivati all’appuntamento “ci hanno detto di seguirli in auto lungo il Naviglio, siamo arrivati su uno sterrato e poi ad un cancello. Ho capito solo a quel punto che eravamo in un campo nomadi”.

L’ex agente dei vip ha mostrato i soldi e un uomo li ha condotti all’interno della sua roulotte: “Ha finto di prendere delle bottiglie di champagne e mi ha strappato dalle mani il borsello con il denaro. Subito hanno fatto irruzione tante donne, all’improvviso urlavano: “Via, via c’è la polizia”, udivamo colpi di arma da fuoco, sono intervenuti altri uomini di corsa. Ci hanno malmenato e poi tutti insieme, a spintoni, ci hanno cacciato via dal campo”.

Ma la vicenda non è finita qui, perché la somma di denaro rapinata a Mora non era di sua proprietì. Così l’agente inizia a subire minacce e richieste di soldi da parte del pregiudicato che gli aveva prestato i soldi e che ora è indagato per estorsione. Secondo quanto riferito dal Corriere della Sera, Mora, interrogato, ha raccontato: “Avevo paura (..) si presentava sempre con cinque o sei uomini (…). Ho chiesto la somma in prestito a mio figlio e ho pagato”. 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.

Rispondi