Prima Pagina>Cronaca>Meno sbarchi di migranti, ma più morti nel Mediterraneo, dice l’Onu (6 al giorno)
Cronaca

Meno sbarchi di migranti, ma più morti nel Mediterraneo, dice l’Onu (6 al giorno)

Meno sbarchi di migranti, ma più morti nel Mediterraneo, dice l'Onu (6 al giorno)

 Foto: da video Marco Bova

Sbarchi fantasma ad Agrigento

I rifugiati e i migranti che hanno tentato di raggiungere l’Europa attraverso il Mar Mediterraneo nel 2018 hanno perso la vita a un ritmo allarmante, mentre i tagli alle operazioni di ricerca e soccorso hanno consolidato la posizione di questa rotta marittima come la più letale al mondo. Secondo l’ultimo rapporto dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati (Unhcr), ‘Viaggi Disperati’, in media sei persone hanno perso la vita nel Mediterraneo ogni giorno.

Si stima che 2.275 persone sarebbero morte o disperse durante la traversata del Mediterraneo nel 2018, nonostante un calo considerevole del numero di quanti hanno raggiunto le coste europee. In totale, sono arrivati 139.300 rifugiati e migranti in Europa, il numero più basso degli ultimi cinque anni. 

“Salvare vite in mare non costituisce una scelta, né rappresenta una questione politica, ma un imperativo primordiale”, ha dichiarato Filippo Grandi, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati. “Possiamo porre fine a queste tragedie solo trovando il coraggio e la capacità di vedere aldilà della prossima imbarcazione, e adottando un approccio a lungo termine basato sulla cooperazione regionale, che dia priorità alla vita e alla dignità di ogni essere umano”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *