Migranti: sindaco Lampedusa, basta ambiguità su questo tema

(ANSA) – PALERMO, 09 MAG – “Se in un giorno sbarcano mille
migranti sull’isola la macchina dell’accoglienza, anche se tra
mille difficoltà, può reggere. Ma se ne arrivano tremila o
quattromila che facciamo?” Così il sindaco di Lampedusa e Linosa
Totò Martello, commenta l’ultima ondata di sbarchi sull’isola
dove nel giro di poche ore sono approdati oltre mille migranti.
    “Lo avevo detto il giorno in cui è nato il governo Draghi:
– aggiunge – l’Italia non può permettersi ambiguità su un tema
fondamentale come quello dei flussi migratori, e meno che mai
può permettersi di gestire l’arrivo dei migranti con la logica
dell’emergenza quotidiana. Servono regole chiare per il soccorso
in mare e per il controllo nel Mediterraneo, e servono azioni di
tutela dei diritti umani”.
    “Al tempo stesso – osserva il sindaco – c’è bisogno di
meccanismi che salvaguardino Lampedusa e la sua comunità, siamo
un territorio di confine non solo italiano ma anche europeo,
anche Bruxelles deve assumersi le sue responsabilità”.
    Riferendosi infine alle dichiarazioni dei leader del centro
destra, il sindaco di Lampedusa afferma: “Salvini ha perso il
pelo ma non il vizio, è da irresponsabili ricominciare a
fomentare odio sociale mettendo ‘gli italiani contro i
migranti’. Quanto all’idea della Meloni di attivare un ‘blocco
navale’, è una sciocchezza talmente evidente che non merita
neppure commenti”. (ANSA).
   

Fonte Ansa.it

Exit mobile version