Il novantaduenne presidente emerito della Repubblica italiana ha subìto la dissecazione dell’aorta. “E’ stato un intervento complesso, ma il paziente è ora stabile”, dice Francesco Musumeci, primario del reparto di cardiochirurgia del San Camillo

Roma – L’intervento chirurgico al cuore a cui il presidente emerito Giorgio Napolitano , 92 anni, è stato sottoposto ieri sera d’urgenza all’ospedale San Camillo di Roma è perfettamente riuscito. “E’ stato un intervento complesso. Il cuore ha ripreso le sue funzioni, il paziente è molto stabile. Ora aspettiamo“. Lo ha riferito il professor Francesco Musumeci, primario del reparto di cardiochirurgia del San Camillo al termine dell’intervento durato tre ore e mezza. Napolitano è adesso in terapia intensiva e nelle prossime ore quando saranno del tutto stabilizzate le funzioni emodinamiche e pressorie sarà tolta la sedazione. Sui tempi della ripresa bisognerà comunque tener conto che si parla di un paziente in età molto avanzata”, ha spiegato Musumeci. Il cardiochirurgo si è detto comunque molto soddisfatto di come è andato l’intervento, a cui hanno contribuito due aiuti, uno strumentista, due anestesisti e tre infermieri. “Operazione chirurgica complessa – ha spiegato Musumeci – perché si era determinata una dissezione dell’aorta discendente, una gravissima rottura della parte interna dell’aorta e che richiede un intervento in assoluta emergenza. In questo caso è stato sostituito il tratto iniziale dell’aorta”.

Musumeci ha spiegato che questa improvvisa patologia si manifesta acutamente, con dolore forte al torace che spesso può essere scambiato per un infarto in atto. Napolitano, che è stato accompagnato in ospedale dal figlio, è stato sempre lucido, ha parlato con Musumeci, che gli ha spiegato l’urgenza e il tipo di intervento a cui sarebbe stato sottoposto dopo che una serie di esami aveva evidenziato appunto la dissezione aortica. Al San Camillo interventi di questo tipo se ne registrano una quarantina all’anno.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *